Tetti verdi fotovoltaici, un connubio vincente per il solare domestico

Un nuovo studio indaga gli effetti dei tetti verdi sul rendimento energetico dell’impianto fotovoltaico quantificandolo anche in base alla tecnologia utilizzata.

tetti verdi fotovoltaici
via depositphotos.com

I tetti verdi fotovoltaici posso aumentare il rendimento dei pannelli dell’8%

(Rinnovabili.it) – Come unire la lotta climatica urbana alle esigenze della transizione energetica decentralizzata? Con i tetti verdi fotovoltaici. A sostenere l’accoppiata “green roof & solar roof” è oggi un nuovo studio curato da Polarstern Wilhelm Oswald e dalla Wilhelm Büchner University. Il lavoro ha valutato gli effetti delle coperture erbose sul rendimento dell’impianto fotovoltaico, quantificandoli per soluzioni e regioni differenti. Il risultato? In ogni caso è possibile ottenere un’azione sinergica con aumenti della produzione che vanno dallo 0,08% all’8,3%. Per un valore medio del 4,35%.

Dietro questa piccola spinta vi sono una serie di fattori che agiscono sull’installazione solare. Le piante svolgono un effetto di raffreddamento attraverso la traspirazione e l’evaporazione che può contrastare il surriscaldamento dei moduli. E di conseguenza contrastare la degradazione dell’efficienza. Il valore dipende molto dall’area geografica, dal tipo di impianto e ovviamente dalla distanza tra pannelli solari e copertura vegetale.

Leggi anche SolFleX, il pannello fotovoltaico flessibile nato per i trasporti

Ma il tetto verde agisce anche come una sorta di filtro, assorbendo la polvere lavata via dai moduli. Secondo le stime dei ricercatori, un green roof potrebbe “catturare” fino a due chilogrammi di polveri sottili per metro quadrato all’anno. La quantità dipende anche dalle dimensioni e dalla struttura della pianta. 

Un terzo vantaggio dei tetti verdi fotovoltaici arriva la capacità riflettente delle piante (misurato in termini di albedo del tetto). Con le loro foglie riflettono la luce diffusa che non colpisce direttamente i moduli, aumentando così la quota di radiazione dello spettro solare utilizzabile soprattutto nei pannelli a film sottile  a film sottile. Gli studi sul campo giungono alla conclusione che un tetto verde possa aumentare l’irradiazione fino al 32 per cento rispetto a un tetto in ghiaia.

Leggi anche Frangisole fotovoltaico in perovskite, l’evoluzione delle schermature solari

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui