Fotovoltaico: dopo sospensione DTR arrivano nuove regole

Le nuove norme dovrebbero arrivare con l’atteso decreto sulle rinnovabili elettriche diverse dal fotovoltaico

 

Fotovoltaico: dopo sospensione DTR arrivano nuove regole

 

(Rinnovabili.it) – “Facendo seguito alle lettere inviate negli scorsi giorni alle associazioni aderenti a Free, Assorinnovabili e Ater, il Gse con una comunicazione sul suo sito ha sospeso l’efficacia delle controverse regole per gli interventi di manutenzione e modifica degli impianti fotovoltaici in esercizio”. Esultano le associazioni rappresentate nel Coordinamento per la decisione del GSE di sospendere del tutto il Documento tecnico di riferimento (DTR) sul mantenimento degli incentivi agli impianti fotovoltaici in Conto Energia. Nel dettaglio stabiliva che gli impianti oggetto di modifica dovessero mantenere i requisiti che hanno consentito l’accesso agli incentivi, rideterminando però  tariffa incentivante, nel caso fossero modificate le caratteristiche in base alle quali è stato determinato il valore della stessa.

 

Fin dalla sua prima apparizione il DTR aveva suscitato non poche critiche. Critiche che avevano spinto i senatori Girotto e Castaldi (M5S) a presentare, quest’aprile un’interrogazione al ministro dello Sviluppo Economico, nella quale si evidenziava come la proposta di un tetto all’energia incentivabile prodotta dagli impianti fotovoltaici non sia: “riconosciuta negli ambiti e nelle competenze proprie del GSE che sono di esclusivo tipo regolamentare e non legislativo, come nel caso del documento tecnico proposto che andrebbe a modificare retroattivamente il contratto stipulato tra lo Stato italiano ed i cittadini italiani attraverso il conto energia, che non menziona alcun tetto di produzione ai fini dell’incentivazione della produzione di energia”.

 

Dall’analisi del testo erano emersi  significativi punti critici, che non riguardavano solo l’introduzione di soglie massime di energia incentivata oppure a limitazioni in via generale agli interventi ammissibili, ma anche la tempistica di attuazione del tutto. Il Gestore, che nei giorni scorsi aveva già rinviato al 30 settembre il termine per le domande arrivando anche a sospendere uno dei passaggi più criticati del Dtr, ha deciso di intervenire in maniera definitiva sul documento. “Continua il dialogo tra il GSE e le principali associazioni degli operatori sul Documento Tecnico di Riferimento (DTR) che regola il mantenimento degli incentivi in Conto Energia”, scrive in una nota stampa. “In attesa che il confronto si concluda e in considerazione del fatto che la materia potrebbe trovare specifica regolamentazione nell’ambito del nuovo decreto FER, il GSE ritiene opportuno sospendere l’efficacia del DTR. Pertanto gli operatori, relativamente a interventi su impianti incentivati e alle attinenti comunicazioni e obblighi, sono tenuti al rispetto di quanto stabilito nei Decreti di riferimento e nella disciplina attuativa”.

 

Le nuove norme dovrebbero arrivare quindi con l’atteso decreto sulle rinnovabili elettriche diverse dal fotovoltaico, che detta le regole in base alle quali il GSE dovrà aggiornare le procedure per l’effettuazione di interventi di manutenzione e ammodernamento degli impianti incentivati.

1 commento

  1. Sono proprietario di due lotti di terreno dove una e più società hanno realizzato due ìmpianti fotovoltaici a terra della potenza di un 1,00 MW cadauno con il conto energia del GSE dell’anno 2010, al prezzo di 0,42 c./KW. Nello stesso anno stipulo un contratto di Costituzione del diritto di superficie per anni 20 più opzione per ulteriore anni 10, successivamente come previsto nei contratti precedenti stipulo una locazione di affitto dei terreni per ogni impianto di anni cinque rinnovabili tacitamente con una nuova società realizzatrice dell’impianto e gestore. La stessa società dopo aver pagato le prime quattro annualità mi contatta per propormi una locazione pari ad 1/3 del prezzo stabilito in contratto, dovuti alla mancata remunerazione dell’impianto pe3rche a loro dire il GSE non riconosce più il prezzo del conto energia dell’epoca ma più basso che ad oggi non conosco l’entità della diminuizione del prezzo a KW. Ho già comunicato di non essere disposto a trattare tale riduzione della locazione stabilita. In caso di mancato pagamento da parte della Società gestore e locataria dei lotti a chi posso rivolgermi per difendere le mie ragioni e rispetto del contratto di locazione in corso grazie Nicola DI Toro via V. Veneto 66034 LANCIANO Tel. 329-6150181

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui