Impianti fotovoltaici più efficienti grazie ai droni del Polimi

I ricercatori del Politecnico di Milano hanno ideato e sviluppato un nuovo sistema di monitoraggio degli impianti fotovoltaici basato sull’uso di velivoli leggeri telecomandati

Impianti fotovoltaici più efficienti grazie ai droni volanti del Polimi

 

(Rinnovabili.it) – L’ultima frontiera dei sistemi di monitoraggio e rilevazione ambientale sposa le necessità della produzione rinnovabile. Un team di ingegneri del Politecnico di Milano ha messo al servizio dell’energia fotovoltaica dei nuovi droni volanti, un mini-esercito di velivoli leggeri telecomandati e accessoriati con particolari sensori. Frutto della ricerca del Polimi con la torinese Nimbus, società attiva da anni nel settore dei velivoli senza pilota, i robot volanti sono stati dotati di fotocamere, termocamere e sensori ottici al fine di poter effettuare un monitoraggio puntuale degli impianti fotovoltaici in modo veloce, efficiente, sicuro e versatile. Questi speciali droni sono, infatti, in grado di utilizzare contemporaneamente sensori diversi, combinandoli  fra loro a seconda delle necessità e assicurando quindi la capacità di venire a capo di qualsiasi guasto o anomalia stia riducendo l’efficienza dell’impianto.

 

Un buon monitoraggio dei moduli – spiega il Politecnico in una nota stampa – risulta cruciale per una tempestiva ed efficace manutenzione dell’impianto, così da ottenere le migliori prestazioni possibili e programmare al meglio attività di manutenzione straordinarie o eventuali revamping dell’impianto”. I droni sono in grado di identificare rapidamente sia i difetti di fabbricazione, come ad esempio le “bave di lumaca” e le micro rotture, che i guasti provocati da condizioni ambientali ostili, quali salsedine, grandine, neve, polvere, gas corrosivi. L’attività di ricerca è stata pubblicata sull’autorevole IEEE Journal of Photovoltaics il 10 06 2014, con il titolo Light Unmaneed Aerial Vehicles (UAVs) for Cooperative Inspection of PV Plants”

Articolo precedenteSiemens riceve un ordine per l’equipaggiamento di un impianto in Polonia
Articolo successivoServe FUSION per ridurre lo spreco alimentare