Trina Solar sfida l’industria solare e lancia moduli fotovoltaici da 600 Wp

Il colosso cinese diffonde i dettagli tecnici della serie Vertex, i pannelli di nuova generazione con una potenza fino a 600 W. Nel frattempo scalda i motori avviare la produzione in serie dei moduli da 550 W nell’ultimo trimestre 2020

Moduli fotovoltaici da 600 Wp,
Credits: Trina Solar

Nuovi moduli forovoltaici da 600 Wp, efficienza oltre il 21%

(Rinnovabili.it) – Trina Solar ha annunciato i suoi nuovi moduli fotovoltaici da 600 Wp. Nella gara all’overpower ingaggiata dall’industria solare, il colosso cinese passa in testa con un nuovo prodotto, presentato stamane in occasione del vertice della 600W + Photovoltaic Open Innovation Ecological Alliance. E non è ovviamente un caso la scelta dell’evento. L’Alleanza in questione – patto industriale tra 39 imprese cinesi, produttrici di silicio, wafer, celle, moduli, tracker, inverter, materiali e apparecchiature – nasce con il preciso obiettivo di progettare e produrre “super” pannelli solari. Una tendenza che ha contagiato tutta l’industria fv mondiale ma su cui la Repubblica popolare vuole avere un ruolo di primo piano.

Leggi anche Fotovoltaico in perovskite, la ricerca europea fa squadra

Il primo passo oltre l’ambita soglia dei 600 Watt si compie, dunque, oggi con due nuovi moduli fotovoltaici della serie Vertex. A titolo di confronto, solo 10 anni fa, l’output medio dei moduli fotovoltaici era di circa 250 Wp. I nuovi moduli fotovoltaici da 600 Wp si basano sulla tecnologia Vertex da + 500 Wp che la società ha già definito come un trampolino di lancio per il prossimo grande sbalzo in avanti della di potenza.

Le unità di prossima generazione “sono arricchite da una serie di innovazioni lungimiranti, tra cui un wafer di silicio da 210 mm, impacchettamenti ad alta densità e una tecnologia a multi busbar (le barre collettrici in metallo)”, spiega Zhang Yingbin, a capo della Strategia di Prodotto della Trina Solar. Queste novità “offrono un’efficienza di conversione fotoelettrica di oltre il 21 per cento. In virtù del basso voltaggio è dell’elevato output, la serie Vertex offre un enorme potenziale per ridurre ulteriormente i costi del balance of system (ossia le spese legate alle perdite di energia che si hanno nell’impianto). Collaborando con attori chiave nella catena del settore, riteniamo che in nuovi moduli fotovoltaici  sviluppati sulla base di una innovativa piattaforma tecnologica aiuteranno a ridurre il costo livellato dell’energia in varie applicazioni e massimizzare il valore per il cliente”. 

Leggi anche Fotovoltaico e agricoltura dovranno convivere, ma con le giuste norme

Inoltre, con un’efficienza di conversione delle celle PERC che dovrebbe a breve superare il 24 per cento, unitamente ad altri fattori come l’ottimizzazione nella progettazione, i miglioramenti della capacità di carico e l’installazione a valle, la potenza è destinata ad aumentare ancora. Nel frattempo la società prevede di realizzare la produzione in serie dei sui moduli fv da 550 Wp nell’ultimo trimestre 2020.

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui