Osservatorio Rinnovabili: continua il trend positivo del fotovoltaico

La nuova potenza installata fino a settembre 2016 raggiunge circa 280 MW, registrando un aumento del 29% rispetto allo stesso periodo del 2015

Osservatorio Rinnovabili: continua il trend positivo del fotovoltaico

 

(Rinnovabili.it) – La ripresa c’è ma la convalescenza non è finita. Si potrebbe riassumere così lo stato di salute di fotovoltaico, eolico e idroelettrico in Italia. A fare la diagnosi è l’Osservatorio Rinnovabili creato da ANIE (nella sua sezione dedicata alla green energy) che mensilmente rendiconta i progressi, o meno, del settore energetico verde nazionale. Gli ultimi dati analizzati dall’Osservatorio Rinnovabili riferiscono un incremento complessivo, seppur piccolo (+1%) nelle nuove istallazioni, confrontando i primi nove mesi di quest’anno con quelli del 2015. Singolarmente però eolico, fotovoltaico e idroelettrico hanno comportamenti ben differenti.

 

Immagine

 

Fotovoltaico: la nuova potenza installata fino a settembre 2016 raggiunge circa 280 MW, registrando un aumento del 29% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Anche il numero di unità di produzione è in crescita (10%) con le installazioni sotto ai 20 kW che fanno la parte del leone: costituiscono il 96% degli impianti connessi corrispondenti a una potenza pari al 56% del totale. Le regioni che hanno registrato il maggior incremento in termini di potenza sono Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Molise.

 

Eolico: si conferma un trend tendenziale negativo per la potenza dei nuovi impianti, in diminuzione del 13% nei primi nove mesi del 2016 (circa 215 MW) rispetto allo stesso periodo del 2015. Cresce invece il numero di turbine connesse in rete (più 1%) con le unità di taglia superiore ai 200 kW che la fanno da padrone. Considerata la conformazione del territorio nazionale, il 91% della potenza connessa è localizzata nelle regioni del Sud Italia.

 

Idroelettrico: anche in questo caso si conferma una tendenza negativa che vede ridursi del 38% la nuova potenza installata. Il numero di unità di produzione rispetto allo stesso periodo del 2015 ha subito un decremento del 6%. Le regioni che hanno registrato il maggior incremento di potenza rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente sono Friuli Venezia Giulia, Lazio, Sicilia e Valle d’Aosta. Gli impianti idroelettrici di taglia inferiore ai 3 MW connessi nei primi nove mesi del 2016 costituiscono il 72% del totale.

Articolo precedenteLa green economy italiana è al primo posto in Europa
Articolo successivoL’accordo per tagliare le emissioni delle navi “dimentica” la CO2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui