Pannelli fotovoltaici stradali, quando l’innovazione è made in Italy

L’Agenzia nazionale sta lavorando assieme all’azienda napoletana per realizzare nuovi moduli fotovoltaici adatti all’installazione su strade, autostrade e piste ciclabili

Pannelli fotovoltaici stradali
Credits: Enea

Pannelli fotovoltaici stradali, vantaggi e svantaggi

(Rinnovabili.it) – Se installassimo impianti solari sul 10 per cento delle strade italiane, potremmo aggiungere fino a 20 GW di nuova potenza pulita. Lo ha calcolato ENEA, l’agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile, oggi impegnata a sviluppare una nuova generazione di pannelli fotovoltaici “stradali”. Il lavoro, condotto assieme all’azienda TeaTek Spa, mira a progettare moduli in grado di resistere forti carichi e a fenomeni meteorologici estremi.

leggi anche Sistemi fotovoltaici autostradali: l’esperimento di Germania, Austria e Svizzera

Integrare il fotovoltaico all’interno o in prossimità di aree riservate ai trasporti offre indubbi vantaggi. A cominciare dall’impiego di spazi già edificati e impermeabilizzati. Ma allo stesso tempo il segmento presenta sfide uniche. Che gli impianti siano installati a bordo strada,utilizzati come copertura o addirittura come manto (nel caso di percorsi pedonali o ciclabili), devono rispondere a requisiti molto severi in materia di stabilità, carichi meccanici, resistenza allo scivolamento e assorbimento del rumore. Non solo: i pannelli solari stradali devono inevitabilmente confrontarsi con problemi di sporcizia e manutenzione maggiori. E di conseguenza i costi di tali sistemi sono destinati ad aumentare rispetto a localizzazioni più “tradizionali”.

Il progetto Enea-TeaTek

Ma ciò non ha impedito al comparto solare di cimentarsi in innovativi progetti coinvolgendo strade, autostrade e piste ciclabili. È proprio in questo solco che si inserisce la nuova collaborazione tra Enea e TeaTek. “Come ENEA – spiega Girolamo Di Francia, referente del progetto per l’Agenzia – stiamo studiando moduli che, diversamente dai comuni pannelli fotovoltaici, siano in grado di resistere a carichi statici anche di diverse tonnellate, al passaggio di automezzi in movimento ed a condizioni metereologiche anche estreme”. Dispositivi da installare principalmente a coperture del manto, come barriere antivento, pavimentazioni di percorsi pedonali, ciclabili o di linee tranviarie.

leggi anche Una nuova strada solare a prova di usura

Sviluppare moduli per applicazioni stradali è una delle vie più interessanti per un fotovoltaico pervasivo, di ampia diffusione e che non sottrae il suolo alla sua funzione originaria ma lo valorizza, aggiungendo quella di una generazione elettrica pulita” aggiunge Ezio Terzini, responsabile della divisione ENEA di Fotovoltaico e smart devices. Le attività di ricerca e sviluppo su pannelli fotovoltaici stradali saranno condotte nella ex sede Whirlpool di Napoli recentemente rilevata da TeaTek (con la riassunzione di tutti i 320 dipendenti) per essere riconvertita in fabbrica di componenti solari.

Articolo precedenteGli oceani sono i nostri migliori alleati per ridurre il gap di emissioni verso 1,5 gradi
Articolo successivoLa Commissione UE propone di autorizzare il glifosato per altri 10 anni

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Leave the field below empty!