Pannelli solari semitrasparenti per le finestre di casa

I ricercatori dell’Università del Michigan hanno sviluppato un processo per ottenere celle solari efficienti, semitrasparenti e scalabili

Pannelli solari semitrasparenti
Credits: Università del Michigan

Una lunga vita per il fotovoltaico organico

(Rinnovabili.it) – Nuovi passi avanti verso la produzione di pannelli solari trasparenti per le finestre degli edifici. A compierli un gruppo di fisici e ingegneri dell’Università del Michigan (UM), negli Stati Uniti. Il team ha focalizzato il proprio lavoro sul fotovoltaico organico, tecnologia che impiega polimeri conduttivi o piccole molecole organiche per l’assorbimento della luce e il trasporto delle cariche. Una soluzione decisamente più economica rispetto al tradizionale fotovoltaico in silicio ma anche meno efficiente, di breve durata e difficile da scalare.

leggi anche Moduli fotovoltaici efficienti: una nuova pellicola “traduce” lo spettro

Ma i ricercatori dell’UM sono riusciti nell’impresa e oggi sono pronti a brevettare e portare la propria invenzione sul mercato. “In linea di principio, ora possiamo scalare le celle solari organiche semitrasparenti fino due metri quadrati, il che avvicina parecchio le finestre [fotovoltaiche] alla realtà”, ha affermato il professore Stephen Forrest, co-autore dell’articolo pubblicato su Joule (testo in inglese).

Negli ultimi anni, il lavoro svolto da Forrest e colleghi ha recuperato alcuni gap chiave nel campo del fv organico raggiungendo efficienze del 10% e una durata di vita di ben 30 anni. A valle di questi risultati il team ha deciso di focalizzarsi sulla produzione di celle e pannelli solari semitrasparenti. In questo campo una delle principali sfide consiste nella creazione di connessione elettriche su scala micron tra le singole celle che compongono il modulo. I metodi convenzionali, infatti, possono facilmente danneggiare gli assorbitori di luce organici.

La produzione di pannelli solari semitrasparenti

Il gruppo ha sviluppato un nuovo metodo di modellazione peel-off multifase. Nel dettaglio ha depositato sottili pellicole di plastica modellandole in strisce estremamente sottili. Quindi, ha deposto gli strati organici e metallici e, successivamente, staccato le strisce di plastica, creando interconnessioni elettriche molto sottili tra le unità.

In questo modo il gruppo ha collegato otto celle solari semitrasparenti, ciascuna di 4 cm quadrati e separate da interconnessioni larghe 200 µm, per creare un unico modulo da 13 cm quadrati. L’efficienza di conversione? Un 7,3% che segna una piccola perdita rispetto al 10% delle singole celle ma che rimane stabile anche aumentando ulteriormente le dimensioni.

leggi anche Il mercato del riciclo solare varrà 2,7 mld nel 2030

Dotato di una trasparenza prossima al 50% e una sfumatura verdastra, il prodotto si presterebbe fin da subito ad essere integrato nelle vetrine dei negozi. Ma sottolineano gli scienziati è possibile anche raggiungere trasparenze più elevate per il mercato residenziale. L’obiettivo del gruppo è realizzare pannelli solari semitrasparenti e sottili come pellicole e con un’efficienza del 10-15%, da inserire tra i doppi vetri delle finestre. Forrest ritiene che ciò possa essere raggiunto entro un paio d’anni.

Articolo precedenteEnergie rinnovabili, grazie ai CfD il Governo francese guadagna 8,6mld
Articolo successivoLa siccità nel Nord Italia continuerà almeno fino a settembre

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui