In Germania la produzione di celle solari mette il turbo

Un consorzio di imprese, esperti e ricercatori sotto la guida del Fraunhofer ISE ha realizzato una linea di produzione sperimentale in grado di sfornare tra i 15 e i 20 mila wafer ogni ora

produzione di celle solari
Credits: ©Fraunhofer ISE

La produzione di celle solare ad alta efficienza diventa veloce il doppio

(Rinnovabili.it) – In Germania la produzione di celle solari mette il turbo. Con l’obiettivo di ricostruire la filiera fotovoltaica europea e tener testa al “made in China“, un gruppo di esperti e scienziati sta da tempo studiando nuove soluzioni che facilitino la nascita di fabbriche di pannelli e celle solari ad alta efficienza anche nel Vecchio Continente.

L’elemento su cui puntare? Un’elevata produttività. Ecco perché il consorzio di imprese e istituti di ricerca guidati dal Fraunhofer ISE, ha sviluppato un proof of concept di linea produttiva in grado di sfornare tra i 15 e i 20 mila wafer di silicio all’ora. Un valore doppio rispetto alla velocità attualmente raggiunta da questi impianti.

leggi anche Lavorare nel fotovoltaico: occupati in crescita nell’UE ma servono più competenze

Per ottenere questo risultato, il gruppo ha studiato ogni singola fase della fabbricazione di celle solari ad alta efficienza, intervenendo su diverse fasi. “Per alcuni processi, è stato necessario accelerare flussi di lavoro consolidati, mentre altri hanno avuto bisogno di essere reinventati da zero”, spiega il dott. Florian Clement, project manager presso Fraunhofer ISE. Un lavoro lungo e complesso ma che ha portato a risultati tangibili. Gli scienziati hanno, ad esempio, implementato scanner laser per l’elaborazione continua e ad alta velocità di wafer di grandi dimensioni; hanno impiegato la stampa serigrafica rotativa per la metallizzazione delle celle e unito in un’unica fase il drogaggio per diffusione termica al trattamento superficiale di ossidazione termica. O ancora, hanno sviluppato due concept per la caratterizzazione finale delle celle solari. Tanti “piccoli” miglioramenti che messi insieme forniscono l’accelerazione sperata.

leggi anche I moduli fotovoltaici europei sono più “verdi” di quelli cinesi

Nel 2021, il 78% di tutte le celle solari al silicio è stato prodotto in Cina”, afferma il dott. Ralf Preu, responsabile della tecnologia di produzione fotovoltaica presso Fraunhofer ISE. “Per espandere il fotovoltaico il più rapidamente possibile e per rendere le nostre catene di approvvigionamento più robuste, dovremmo collocare nuovamente i nostri impianti di produzione di celle solari ad alta efficienza in Europa. Un aumento della produttività e dell’efficienza delle risorse impiegate […] si traduce in una sostanziale riduzione dei costi e in un potenziale di sostenibilità, che possiamo sfruttare con la nostra eccellenza nella comprensione dei processi e nell’ingegneria meccanica”.

Articolo precedenteProduzione idrogeno verde, quando valgono le agevolazioni per l’elettrolisi
Articolo successivoIdrogeno rinnovabile per riscaldare 100 case a Madrid, ma conviene davvero?

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui