Lavorare nel fotovoltaico: occupati in crescita nell’UE ma servono più competenze

SolarPower Europe pubblica il rapporto sull’occupazione solare e rivela: per la sicurezza energetica l’UE ha bisogno di oltre 1 milione di lavoratori nel fotovoltaico

Lavorare nel fotovoltaico
Photo by Ricardo Gomez Angel on Unsplash

Nasce la prima piattaforma di reclutamento online per lavorare nel fotovoltaico

(Rinnovabili.it) – Ben 100.000 occupati in più dal 2020 al 2021 nonostante le difficoltà del periodo. Altri 150mila previsti per il 2022: lavorare nel fotovoltaico europeo è, soprattutto oggi, un’attività in crescita. Lo dimostrano i dati di SolarPower Europe, l’associazione che rappresenta i produttori fotovoltaici del Vecchio Continente. Nel suo nuovo EU Solar Jobs Report 2022, l’organizzazione analizza lo stato dell’arte e prova a mettere a fuoco i trend del futuro. 

leggi anche Modello unico semplificato per fotovoltaico fino a 200 kW, ora in vigore

“In un momento in cui il continente si trova ad affrontare l’incertezza economica, il solare offre una fonte affidabile di milioni di posti di lavoro a prova di futuro, locali e verdi”, commenta Walburga Hemetsberger, CEO di SolarPower Europe. Anche se l’Europa ha fatto i conti con una pandemia, l’occupazione nel fotovoltaico è aumentata del 30%”. La crescita si riferisce al 2021, anno in cui il settore ha dato lavoro a 466.000 persone, per lo più (il 79%, oltre 352mila) nel segmento dell’installazione. Circa 44.000 sono invece solar job attivi nella produzione industriale, mentre 40.000 persone sono impiegate nella gestione e manutenzione degli impianti progetti solari. I paesi in cui lavorare nel fotovoltaico è più “facile”? Polonia, Germania, Spagna e Paesi Bassi che attualmente offrono il maggior numero di posti di lavoro nel settore in tutta l’UE.

Quanto crescerà l’occupazione fotovoltaica?

Nel futuro il dato è destinato ad aumentare. L’associazione stima che nel 2022 si dovrebbero raggiungere i 530.000- 606.000 occupati. Per raggiungere l’obiettivo UE 2030 di 750 GW di capacità fotovoltaica installata, il Blocco avrà bisogno oltre 1 milione di lavoratori nel settore. Ma se l’ambizione crescesse ulteriormente e i Paesi si impegnassero a risolvere le attuali sfide – dai ritardi nelle autorizzazioni ai nodi della catena di approvvigionamento – le cifre salirebbero velocemente. Per SolarPower Europe già nel 2026 si avrebbe un milioni di persone a lavorare nel solare.

leggi anche Fotovoltaico 2022 in Italia, in 6 mesi installato 1 GW di nuovi impianti

“Ora – continua Hemetsberger – dobbiamo raccogliere la sfida e assicurarci di avere le competenze e i lavoratori per raggiungere gli obiettivi europei in materia di sicurezza energetica e clima”. Proprio per affrontare il problema delle competenze solari, SolarPower Europe lancerà il 1° dicembre 2022 la prima fiera del lavoro fotovoltaico on line, la #SolarWorksFair, che metterà in contatto in tempo reale le persone con le aziende fotovoltaiche lungo la catena del valore. Nell’occasione verrà anche presentata una piattaforma digitale che, attraverso un algoritmo di corrispondenza delle competenze, collegherà offerta e domanda.

Articolo precedenteIo Mangio il Giusto, ecco come salvare l’Amazzonia anche a tavola
Articolo successivoContro l’inflazione gli italiani scelgono di investire nel mattone: turismo e riqualificazioni i punti forti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui