Solare: nel 2014 la capacità istallata raggiungerà i 200 GW

Il solare fotovoltaico mondiale potrebbe raggiungere entro l’anno i 200 GW di potenza istallata. Il contributo maggiore arriverà dalla Cina

solare(Rinnovabili.it) – Entro la fine dell’anno il mercato mondiale legato alla tecnologia energetica solare potrebbe raggiungere i 200 GW di potenza. I numeri sono stati messi in evidenza da uno studio condotto da NPD Solarbuzz, nel quale viene specificato che entro dicembre si vedrà il completamento dell’istallazione di 20 nuovi GW di potenza a livello globale e quella annuale a superare i 50 GW. La crescita fotovoltaica, come sottolineato nel rapporto, nel prossimo trimestre potrebbe addirittura riuscire a superare l’intera capacità installata nel 2010.

 

L’industria mondiale dell’energia solare è impostata infatti per aggiungere l’equivalente della potenza di cinque centrali nucleari su larga scala nel quarto trimestre del 2014, arrivando così a raggiungere la capacità di 200 GW entro la fine dell’anno, secondo gli analisti.

Ma di chi sarà il merito di questa crescita notevole? Secondo Solarbuzz il contributo maggiore arriva direttamente dalla Cina, che si prevede istalli 7 nuovi GW di capacità solare nei prossimi mesi segnando un aumento del 10% rispetto allo stesso periodo del 2013. Ad aiutare la Cina anche Giappone e Stati Uniti che insieme andranno a rappresentare il 70 per cento della nuova capacità fotovoltaica costruita nel prossimo trimestre.

 

“La domanda globale fotovoltaica continua a stabilire nuovi record, ripristinando la fiducia degli investitori nel settore fotovoltaico, dopo diversi anni di sovracapacità e profitti in calo”, ha detto Michael Barker, analista senior di NPD Solarbuzz. “Dopo il periodo di stallo che ha caratterizzato il corso degli ultimi sei mesi, principalmente a causa delle incertezze legate al commercio, i bilanci trimestrali e i livelli annui si riveleranno cruciali per gli investitori che sono stati restii a impegnarsi per i fondi di nuova capacità.”

Articolo precedenteUE, verso una riduzione della CO2 nei carburanti per autotrazione
Articolo successivoFiper: la biomassa legnosa ha bisogno di regolamenti chiari

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui