Nasce SolarWorks, lo sportello unico per il lavoro nel fotovoltaico

Realizzata dall’associazione europea SolarPower Europe, la piattaforma SolarWorks rappresenta il primostrumento di reclutamento digitale dedicato al settore solare

SolarWorks
via depositphotos.com

Si è tenuta la prima edizione della fiera virtuale del lavoro fotovoltaico

(Rinnovabili.it) – Far incontrare domanda e offerta, in maniera semplice e rapida, coprendo le necessità europee e non solo. Con questo obiettivo nasce la piattaforma digitale #SolarWorks (https://www.solarworksplatform.org/nl), primo sportello unico per il lavoro nel fotovoltaico. Lo strumento, creato dall’associazione SolarPower Europe, è stato presentato ieri nel corso della prima edizione della Fiera del Lavoro Solare e risponde ad una precisa esigenza del mercato: garantire personale qualificato che accompagni la transizione energetica.

Come emerso nell’ultimo report sull’occupazione dell’associazione, l’EU Solar Jobs Report 2022, il settore fotovoltaico sta progressivamente aumentando il numero di lavoratori. Nel 2021 risultano impiegate 466.000 persone nell’Unione rispetto alle 358.000 del 2020. Ma affinché il Vecchio continente raggiunga i propri obiettivi di decarbonizzazione questo stesso numero dovrà superare il milione entro la fine del decennio. In uno scenario di maggiore ambizione la deadline si potrebbe addirittura spostare al 2026. L’associazione stima fino a 4 milioni di occupati entro il 2050.

leggi anche Lavoro nell’energia solare, l’UE potrebbe creare fino a 1,1mln di solar job

Una crescita che dovrà essere accompagnata dalle giuste competente e qualifiche. “Sono previste milioni di opportunità di carriera nel fotovoltaico europeo“, spiega Walburga Hemetsberger, CEO di SolarPower Europe. “Con la piattaforma #SolarWorks, stiamo compiendo un passo cruciale nella creazione di una forza lavoro solare qualificata per l’Europa, garantendo che un divario di competenze non ostacoli la transizione energetica”.

L’iniziativa è stata salutata con soddisfazione anche dal commissario europeo per il lavoro e i diritti sociali, Nicolas Schmit.Abbiamo bisogno di investimenti massicci e urgenti nelle competenze delle persone, nonché di mapparle e abbinarle a posti di lavoro. Quindi, accolgo con grande favore la piattaforma #SolarWorks che viene lanciata oggi”, ha dichiarato Schmit. “Questo è esattamente il tipo di iniziativa pratica che porterà risultati tangibili nel settore, sia per le aziende che per chi cerca lavoro. I giovani che desiderano iniziare la propria carriera possono utilizzare la piattaforma per affinare le proprie competenze e trovare buone opportunità di lavoro”.

 Come funziona la piattaforma #SolarWorks?

Lo strumento digitale si rivolge a chi cerca lavoro nel fotovoltaico, ma anche alle aziende che lo offrono e ai formatori e organizzatori di corsi. Per tutti, le registrazioni sono già aperte e gratuite. Sulla piattaforma le aziende fotovoltaiche, europee e non, sono invitate a creare il proprio profilo caricando le ultime domande di posizioni aperte. Il sito aiuta anche ad indirizzare la ricerca occupazionale permettendo selezionare una serie di abilità o capacità per trovare il “lavoro solare perfetto“. E ovviamente offre fin da subito un programma di formazione per accrescere le competenze in diversi campi.

Articolo precedenteImballaggi, le riserve sul Regolamento UE
Articolo successivoDisastri naturali e cambiamenti climatici: il 2022 ci costa almeno 115 mld $

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui