Catturare il Sole nell’idrogeno: COCHALPEC tenta la via low cost

Fiocchi bidimensionali: questo il segreto di un team di Losanna per realizzare celle foto elettrochimiche che producano idrogeno a basso costo

Catturare il Sole nell'idrogeno: COCHALPEC tenta la via low cost

 

(Rinnovabili.it) – Stoccare l’energia solare sotto forma di idrogeno è una delle modalità più promettenti nell’ambito dello sviluppo di sistemi ad energia rinnovabile completi. Per ottenere tutto ciò una delle soluzioni tecniche più sperimentata è quella delle cella foto elettrochimiche o PEC, dispositivi che utilizza l’energia solare per dividere le molecole d’acqua rilasciando idrogeno (H2) e ossigeno (O2). In questo contesto i film sottili in solfuro di zinco rame stagnato (CZTS) e diseleniuro di indio rame zincato (ZCIS) hanno mostrato notevoli efficienze nel fotovoltaico e risultati promettenti, seppur ancora preliminari, nelle celle PEC; tuttavia risulta ancora molto costoso fabbricare queste pellicole. Per superare l’ostacolo gli scienziati dell’Ecole Polytechnique Federale di Losanna hanno messo a punto un metodo semplice e non convenzionale per fabbricare film sottili d’alta qualità destinati alla produzione diretta di idrogeno solare a basso costo.

 

Il lavoro condotto dal team svizzero, all’interno del progetto di ricerca progetto COCHALPEC, si è concentrato sulla sintesi di questi materiali in forma di nanocristalli. Gli scienziati hanno iniziato con la realizzazione di una dispersione uniforme del diseleniuro tungsteno sotto forma di “nano-polvere” in un solvente liquido. Questo processo ha trasformato il materiale in sottili fiocchi 2-D producendo una dispersione simile ad un inchiostro o una vernice. I ricercatori hanno poi iniettato l’inchiostro di diselenide tungsteno al confine tra due liquidi che non miscibili. Sfruttando questo effetto “olio-acqua”, hanno usato l’interfaccia dei due liquidi come una sorta di mattarello, costringendo i fiocchi 2-D a formare un film uniforme e di alta qualità sottile. I liquidi sono stati poi accuratamente rimossi e la pellicola è stata trasferita su un supporto in plastica flessibile.

 

ncomms8596-f2

 

Il fotovoltaico sottile prodotto in questo modo è stato testato ed è risultato essere superiore in termini di efficienza per i film realizzati con lo stesso materiale ma utilizzando altri metodi equivalenti. In questa fase proof-of-concept, l’efficienza di conversione diretta energia solare-idrogeno è stata di circa l’1%: piuttosto bassa ma pur sempre un miglioramento rispetto a tecniche simili e, promettono i ricercatori, con un notevole potenziale per rendimenti più elevati in futuro.

 

Articolo precedenteNaxos: Goletta Verde lancia l’appello contro il mega porto turistico
Articolo successivoAree marine protette aperte agli yacht dei super ricchi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui