Tetto fotovoltaico più grande al mondo: la Cina stupisce con 120 MW

Composto da diversi sotto impianti, il progetto copre un’area di circa 665.000 metri quadrati in uno dei più imponenti centri per la produzione ceramica cinese

Tetto fotovoltaico più grande al mondo
Credits: Sungrow

“Tetto fotovoltaico più grande al mondo”, un primato continuamente conteso

(Rinnovabili.it) – Nuovo record mondiale per l’energia solare e ancora una volta ad appannaggio della Cina. A Gaoan, nella provincia centrale di Jiangxi, sorge infatti il progetto di tetto fotovoltaico più grande al mondo. Parliamo di ben 120 MW di capacità, che fanno impallidire i precedenti primati a livello globale.

Secondo quanto riferito da Sungrow, l’azienda che ha fornito gli inverter fv, l’installazione è composta in realtà da 11 sotto impianti distribuiti su un’area complessiva di circa 665.000 metri quadrati, all’interno di un celebre polo di produzione ceramica per l’industria edilizia. A pieno regime il tetto fotovoltaico più grande al mondo dovrebbe generare 120 GWh di energia pulita all’anno, risparmiando all’atmosfera fino a 96.000 tonnellate di anidride carbonica. E permettendo al sito produttivo di autoalimentarsi a livello elettrico solo con l’energia del sole.

leggi anche Bando Parco Agrisolare, come accedere agli incentivi per il fv agricolo

Per un’operatività ottimale e una manutenzione facile e rapida, i progettisti hanno deciso di collegare i pannelli a iSolarCloud la piattaforma di monitoraggio di Sungrow. Lo strumento consente una veloce identificazione di eventuali anomalie di funzionamento, aumentando tempestivamente la resa dei moduli fotovoltaici. Inoltre, gli inverter installati sono preassemblati con un’interfaccia di accumulo, in modo da poter aggiungere delle batterie, in un secondo momento, senza ricostruire l’intero sistema.

Il mercato globale del BIPV

Ma il sistema di Gaona non è l’unico a far parlare di sé in ambito di BIPV (acronimo inglese di Building Integrated PhotoVoltaics). Mira a segnare un record mondiale anche il produttore siderurgico turco Tosyalı Holding. L’azienda, in collaborazione con il colosso tecnologico cinese Huawei, sta implementando un progetto di copertura solare da ben 140 MW, nella provincia mediterranea di Osmaniye. Impianto che a regime sottrarrà il primato a quello della Repubblica popolare. 

Leggi anche Pannelli solari colorati per facciate fotovoltaiche belle ed efficienti

Un elemento è certo: il fotovoltaico sul tetto sta progressivamente guadagnando terreno. Si prevede che il mercato del BIPV raggiungerà i 94,4 miliardi di dollari entro il 2031, rispetto agli 11,7 miliardi di dollari registrati nel 2021, con un tasso di crescita annuale composto (CAGR) del 23,2% tra oggi e la fine del decennio. In questo trend accelerato, l’Europa riveste un ruolo di primo piano. D’altra parte lo scorso anno, il continente rappresentava oltre il 43% della quota di mercato nel fotovoltaico integrato in edilizia, con un’implementazione più rapida in Italia e Germania.

Articolo precedenteInondazioni in Pakistan, “è una distopia climatica”
Articolo successivoE’ possibile proteggere la biodiversità con l’utilizzo dei dati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui