I AM Hydro, 11 idee innovative per l’idroelettrico di domani

Dalla stampa 3D all’ottimizzazione delle turbine tramite intelligenza artificiale: Il DoE statunitense ha premiato con 175mila dollari, undici progetti di produzione avanzata dedicati all’energia idroelettrica

idroelttrico
Foto di RJA1988 da Pixabay

Gli USA cercano soluzioni 4.0 per l’idroelettrico nazionale

(Rinnovabili.it) – Anche una tecnologia antica e matura come l’idroelettrico necessita di innovazioni in grado di migliorarne performance e ridurne i costi. Per questo motivo il National Renewable Energy Laboratory (NREL) del Dipartimento dell’Energia statunitense ha lanciato il premio I AM Hydro, competizione multidisciplinare dedicata alle moderne sfide del settore.

La competizione ha concesso ai team partecipanti 120 giorni per sviluppare progetti di produzione intelligente o Advanced manufacturing, macro area che racchiude tutte quelle tecnologie innovative in grado di migliorare prodotti o processi. “Le tecnologie di produzione avanzate stanno rivoluzionando il modo in cui i prodotti sono progettati e costruiti in innumerevoli settori”, si legge sul sito dell’I AM Hydro. “E se da un lato i suoi vantaggi sono ben compresi, dall’altro le opportunità ad alto impatto per incorporarla nell’energia idroelettrica devono ancora essere sfruttate”.

Leggi anche Gli USA accelerano verso le energie rinnovabili, il carbone arranca

Nel dettaglio la gara ha cercato soluzioni innovative per l’idroelettrico in grado di ridurre i costi di costruzione e la frequenza delle riparazioni, migliorando l’efficienza e la produzione energetica. Il DoE ha selezionato undici progetti vincitori che dovranno spartirsi i 175mila dollari in palio. Nel gruppo c’è chi ha messo a punto una soluzione di intelligenza artificiale da integrare nei programmi di ottimizzazione delle pale idroelettriche, e chi ha creato un innovativo rivestimento antivegetativo per contrastare l’accumulo di microrganismi, piante, alghe o piccoli animali sulle superfici dei componenti in acqua.  Chi ha realizzato superfici nano strutturate in grado di ridurre quasi a zero l’attrito. O ancora, chi ha deciso di sfruttare una tecnica di produzione additiva emergente per fornire riparazioni migliorate alle turbine a costi sostanzialmente ridotti.

“La creatività di questo gruppo eterogeneo di concorrenti intersettoriali è stata messa in mostra con i loro contributi ispirati”, ha affermato Tessa Greco, amministratore del Premio. “I loro concept rappresentano il meglio della risoluzione multidisciplinare dei problemi”.

Leggi anche La pandemia prepara il balzo degli investimenti rinnovabili

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui