Mini-idro: Seoul installa punti di ricarica per smartphone nei fiumi

La città coreana è pronta ad istallare 5 stazioni di ricarica alimentate da impianti di mini-idro lungo tutto il corso del fiume artificiale Cheonggyecheon

Mini-idro: Seoul installa punti di ricarica per smartphone nei fiumi

 

(Rinnovabili.it) – A meno di non essere dotato di un carica batterie solare, ricaricare telefonini e laptop all’aria aperta potrebbe essere un problema non da poco. A meno che tu non viva a Seoul. La capitale mondiale dello smartphone ha trovato infatti un modo innovativo ed ecologico per “fare il pieno” gratuito a tutti i dispositivi mobili dei suoi abitanti: installare stazioni di ricarica alimentate da impianti di mini-idro lungo tutto il corso del fiume artificiale Cheonggyecheon, che attraversa il centro della città. Il progetto è stato sviluppato da Enomad, un’impresa start-up, ed è parte degli sforzi compiuti dalla metropoli per aumentare il contributo energetico apportato dalle fonti rinnovabili. L’amministrazione, infatti ha già dato via ad un programma di rinnovamento che visto l’istallazione di impianti con celle a combustibile a idrogeno in ospedali, centri internet e in alcune zone residenziali della città.

 

Tutti i componenti dell’impianto, dalle mini turbine alle prese elettriche, sono stati forniti da 10 aziende, rigorosamente di provenienza nazionale, tra cui la Corea Hydro e Nuclear Power C. Gli sviluppatori dell’iniziativa sostengono che le stazioni di mini-idroelttrico saranno in grado di caricare completamente la maggior parte dei dispositivi in 2-3 ore. E se le cinque stazioni attualmente in produzione dovessero rivelarsi un successo, la città promette di prendere in considerazione l’ampliamento della rete. “Le centrali alternative forniranno elettricità soprattutto alle infrastrutture cittadine, compresi gli impianti di depurazione e la metropolitana”, ha spiegato un funzionario, spiegando che Seoul porterà avanti parallelamente un programma per la ricarica solare nel centro cittadino.

Articolo precedenteSacchetti monouso: per essere a norma servono i requisiti
Articolo successivoIl progetto Osirys lancia i pannelli in stile lego

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui