Accumulo a idrogeno e micro-reti ibride per l’isola “discarica” di Singapore

La piccola Pulau Semakau, che oggi ospita uno dei più avanzati siti di gestione rifiuti al mondo, è divenuta il laboratorio d’elezione per un’innovativa micro-grid multitecnologica

accumulo a idrogeno

Engie EPS ha completato il nuovo sistema di accumulo a idrogeno per il progetto REIDS-SPORE

(Rinnovabili.it) – Pulau Semakau, la piccola isola situata a 8km dalla costa sud di Singapore, diventa un gioiello del green tech. Come? Ospitando uno dei più grandi test mai effettuati nell’area tropicale sulle micro-grid ibride. Nel dettaglio, qui è stata realizzata una microrete multi-tecnologica con annesso un sistema di accumulo a idrogeno.

Il progetto è frutto dell’iniziativa Renewable Energy Integration Demonstrator – Singapore (REIDS) dedicata alla progettazione e dimostrazione di soluzioni per l’accesso a energia sostenibile ed economica nel sud-est asiatico, e a cui partecipano la Nanyang Technological University (NTU) ed ENGIE Lab Singapore. Ed è proprio Engie a comunicare oggi la messa in esercizio del nuovo sistema di accumulo a idrogeno da 2 MWh. L’impianto in questione – basato su tecnologia proprietaria – è costituito da: un sistema a elettrolisi, che converte acqua e elettricità in idrogeno (Power-to-Gas); fuel cell che “trasformano” l’idrogeno in elettricità (Gas-to-Power); un serbatoio di stoccaggio per idrogeno e ossigeno.

Leggi anche ENGIE e ArianeGroup collaborano per sviluppare l’idrogeno liquido rinnovabile

“Il sistema di accumulo d’energia installato a Semakau è solo l’ultimo dei successi raggiunti grazie alla tecnologia proprietaria a idrogeno di ENGIE EPS e rappresenta un ulteriore esempio dell’enorme potenziale delle nostre soluzioni, che dopo 15 anni di esperienza nei sistemi a idrogeno possono essere applicate in tutto il mondo, anche in ambienti tropicali” commenta Carlalberto Guglielminotti, Amministratore Delegato e Direttore Generale di ENGIE EPS, “Siamo orgogliosi di contribuire con la nostra tecnologia a idrogeno brevettata al progetto REIDS, accelerando la transizione  verso la green economy in tutto il Sud-est asiatico”.

L’isola di Semakau, su cui sorge la nuova microrete, svolge un secondo ruolo importante nella zona: ospita l’unica discarica di Singapore. Uno spazio di 3,5 chilometri quadrati che contiene tutta la spazzatura dei 5,6 milioni di abitanti della città-Stato. O più precisamente, le ceneri di quei rifiuti, seppellite all’interno di strutture impermeabili, che vengono controllate in tempo reale assieme alla qualità dell’acqua marina.

Leggi anche Il costo dell’idrogeno potrebbe scendere, tra 5 anni competitivo rispetto al diesel

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui