Un “bisturi luminoso” per produrre idrogeno facilmente

Messa a punto una tecnica per facilitare il recupero dell’idrogeno dall’ammoniaca combinando combinato ferro, rame e una semplice luce LED

produrre idrogeno facilmente
Via depositphotos.com

La nanotecnologia apre una nuova strada per il cracking industriale dell’ammoniaca

(Rinnovabili.it) – Un gruppo di ricercatori delle università di Princeton e Rice, negli Stati Uniti, ha trovato un nuovo sistema per produrre idrogeno facilmente dall’ammoniaca (NH3), impiegando materiali economici e una luce LED.

È bene precisare che l’ammoniaca non è propriamente una “fonte” di idrogeno, bensì un composto sintetizzato proprio a partire dall’H2 in reazione con l’azoto (N); tuttavia si sta ritagliando un posto all’interno della nuova hydrogen economy come vettore. Trasportare e stoccare idrogeno gassoso o liquido è ancora un’operazione piuttosto complessa, per motivi di sicurezza in un caso e per questioni economiche nell’altro. Ecco perché negli ultimi anni gli scienziati hanno cercato di impiegare sostanze chimiche intermedie per le operazioni post produzione. Uno dei vettori più promettenti è proprio l’ammoniaca liquida che possiede già a livello industriale sistemi sicuri di trasporto e stoccaggio. Il problema si pone però nel momento in cui dall’NH3 si cerca di estrarre nuovamente l’H2. Il cracking (letteralmente “rottura”) delle molecole di ammoniaca richiede spesso temperature elevate e catalizzatori preziosi per guidare la reazione. 

leggi anche Solhyd Project, il pannello fotovoltaico domestico che produce idrogeno

Come produrre idrogeno facilmente

Il gruppo di ricercatori, guidati da Naomi Halas e Peter Nordlander della Rice University, e da Emily Carter della Princeton, ha voluto trasformare il processo di scissione per rendere l’ammoniaca un vettore più sostenibile ed economicamente valido e produrre idrogeno facilmente. L’idea alla base del lavoro era tentare di usare la luce per recidere i legami chimici come un bisturi, piuttosto che usare il calore per frantumarli come un martello.

Per fare ciò, il team si è rivolto alla nanotecnologia. Nel dettaglio i ricercatori hanno una semplice luce LED e delle minuscole strutture metalliche in ferro e rame dotate di un doppio compito: il rame è in grado di manipolare la luce per eccitare gli elettroni a energie più elevate, mentre il ferro funge da catalizzatori per accelerare la reazione attivata dagli elettroni eccitati. E grazie a simulazioni di meccanica quantistica, il gruppo è riuscito ad ottenere la precisione sperata e ad estrarre in maniera continua idrogeno dall’ammoniaca a temperatura ambiente, utilizzando solo LED ad alta efficienza. I ricercatori affermano che la tecnica è già scalabile ma che con ulteriori ricerche sarà possibile aumentare l’efficienza del processo e ridurre i costi. La ricerca è apparsa su Science (testo in inglese).

leggi anche Nel futuro dei motori diesel c’è l’idrogeno?

Articolo precedenteIl MASE dà il via alla consultazione sul DM incentivi comunità energetiche
Articolo successivoFotovoltaico 2022, in 9 mesi l’Italia ha installato +12mila impianti per 1,6GW

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui