Cartucce di idrogeno portatile, Toyota è pronta al futuro

L’azienda giapponese assieme alla sua controllata Woven Planet ha sviluppato una tecnologia di trasporto, in grado di facilitare la distribuzione del vettore ad una ampia gamma di applicazioni quotidiane

Cartucce di idrogeno portatile
Credits: Toyota

La città intelligente Woven City farà da banco di prova

(Rinnovabili.it) – Toyota ha un obiettivo ambizioso: alimentare intere città con l’idrogeno. E per farlo ha bisogno di tecnologie in grado di facilitarne anche la distribuzione e l’utilizzo. Nascono esattamente con questo scopo le nuove cartucce di idrogeno portatile create dalla casa automobilistica assieme alla sua controllata Woven Planet. Il prototipo esiste già e sarà testato nei prossimi mesi in una serie di banchi di prova, compresa la futura Woven City. L’obiettivo del progetto è portare il vettore e l’energia in esso contenuta dove le persone vivono e lavorano senza il bisogno di realizzare nuove infrastrutture di trasporto.

La cartuccia di idrogeno portatile

Il prototipo si presenta come un cilindro dotato di maniglia superiore, lungo 40 cm e di 18 di diametro, per un peso (nello stato carico) di 5 kg. Ogni cartuccia di idrogeno portatile dovrebbe trasportare circa 3,3 kWh di energia utile, valore ovviamente  legato all’efficienza della cella a combustibile utilizzata. Il progetto non è ancora completo. A regime le unità saranno dotate di valvole e sistemi di sicurezza che potrebbero aumentarne il peso, ma la flessibilità del design rimarrà la medesima. Con l’obiettivo di renderla facilmente utilizzabile e sostituibile. 

“Il nostro obiettivo è aiutare l’H2 a diventare un luogo comune rendendo questa forma pulita di energia sicura, utile e conveniente”, spiega Toyota in una nota stampa. “Stabilendo una catena di approvvigionamento, speriamo di facilitare il flusso di volumi maggiori di idrogeno e di alimentare più applicazioni. Woven City esplorerà e testerà una serie di applicazioni energetiche che utilizzano cartucce di idrogeno portatile, tra cui la mobilità, gli impieghi domestici e nuovi usi ancora da immaginare. Insieme agli inventori e a coloro che vivono all’interno e nei dintorni di Woven City, continueremo a promuovere i trasporti a fuel cell sviluppando costantemente applicazioni più pratiche per le cartucce. Nelle future dimostrazioni di Woven City, miglioreremo la tecnologia, rendendola sempre più facile da usare e migliorandone la densità energetica”.

Il prototipo è stato presentato in anteprima al Super Taikyu Series 2022 Round 2 al Fuji SpeedWay.

Articolo precedenteAbbiamo superato la soglia psicologica di 421 ppm di CO2 in atmosfera
Articolo successivoRinnovabili in Italia, attesi oltre 5 GW per il 2022

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui