La prima centrale elettrica a idrogeno “verde” dell’Australia

Il governo del South Australia ha annunciato il finanziamento di quello che sarà il primo grande impianto nazionale di elettrolisi dell’acqua alimentato da rinnovabili

centrale elettrica a idrogeno

 

La centrale elettrica a idrogeno australiana vale 117 mln

(Rinnovabili.it) – È ancora una volta il South Australia a scrivere la storia verde nazionale. Lo Stato finanzierà la realizzazione della prima grande centrale elettrica a idrogeno del Paese, un impianto da 15 MW di potenza alimentato esclusivamente con le energie rinnovabili. A renderlo noto è ministro dell’Energia Tom Koutsantonis che commenta così il progetto: “L’Australia del Sud è all’avanguardia a livello globale in un’ampia gamma di tecnologie di stoccaggio, dalle grandi batterie alle centrali elettriche virtuali fino all’impianto di pompaggio – ora ospiterà anche uno dei più grandi impianti di produzione di idrogeno al mondo”. La struttura sorgerà a Port Lincoln, nella penisola di Eyre; sarà realizzata dalla Hydrogen Utility in collaborazione con la tedesca Thyssenkrupp, a fronte di una spesa di ben 117,5 milioni di dollari australiani, di cui 4,7 saranno forniti dallo Stato e altri 7,5 milioni arriveranno dal Renewable Technology Fund dell’Australia Meridionale.

 

A regime la centrale produrrà idrogeno dall’acqua tramite elettrolisi utilizzando il surplus energetico dei parchi eolici e solari. Una turbina a gas da 10 MW e una cella a combustibile da 5 MW produrranno, al bisogno, elettricità dal vettore, immettendola direttamente in rete. La struttura è stata presentata come un “progetto dimostrativo di rilevanza globale” per il settore dell’idrogeno e la sua capacità la rende attualmente una delle più grandi mai realizzate al mondo.

 

>>Leggi anche Produrre idrogeno da acqua e sole: nuovo record per l’efficienza<<

 

L’amministratore delegato di Hydrogen Utility, Attilio Pigneri, sostiene che il progetto dimostrerà le possibilità offerte dalla produzione di idrogeno “Fornirà servizi di bilanciamento alla rete di trasmissione nazionale [e] una risposta di supporto rapida ai nuovi impianti solari in fase di sviluppo sulla penisola di Eyre”. La struttura di Port Lincoln immagazzinerà 10 tonnellate di idrogeno, equivalenti a circa 200 MWh. Allo stesso tempo produrrà ammoniaca che verrà venduta come fertilizzante alle industrie agricole locali. “Più energia rinnovabile –  ha concluso il ministro – significa energia più economica e la possibilità di immagazzinarla significa che i benefici di quell’energia a basso costo possono essere sfruttati tutto il giorno”.

5 Commenti

  1. 15 MW di potenza per un costo di A$ 117,5 milioni.
    1 Dollaro Australiano è pari a € 0,636
    117,5*0,636= € 74,73 milioni/15 MW= €/MW 4,98 milioni
    .
    Pertanto una centrale con reattore nucleare per una potenza elettrica di 1’000 MW ai prezzi della centrale del costo di € 2,5 miliardi a idrogeno costerebbe € 4,98 miliardi ovvero il doppio.
    Non parliamo poi dell’affidabilità e costanza di produzione.

    • Si parla di un progetto dimostrativo e come tale non ha l’obiettivo di produrre già oggi energia a prezzi di mercato. E non si tratta di dimostrare che l’elettrolisi funziona ma di studiare a quella scala le difficoltà di gestione, manutenzione, continuità. L’obiettivo è proprio di capire “quanto” sia fuori mercato. Quanto lo era il fotovoltaico o l’eolico dieci anni fa?

  2. era ora che ci arrivassero ,l, idrogeno e in carburante dell,, universo .e con un costo minimo .tramite pannelli solare si crea l, elettrolisi per estrarre e immagazzinare l, idrogeno e l,elettricità ,il sole ci darebbe tutto ,ma le persone vogliono asserviti a loro ,ve lo immaginate congegni come questi sparsi per il mondo depuratori per l, acqua marina alimentato dal sole

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui