Gli USA vogliono rendere competitive le tecnologie dell’idrogeno

Il Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti ha pubblicato il suo Program Plan sull’idrogeno. Il documento fornisce un quadro strategico per le attività di ricerca, sviluppo e dimostrazione

tecnologie dell'idrogeno
Credits: depositphotos.com

Come portare le tecnologie dell’idrogeno ad una nuova competitività

(Rinnovabili.it) – “L’idrogeno è un carburante versatile che offre un percorso per una crescita economica sostenibile a lungo termine. Può aggiungere valore a più settori dell’economia e supportare la rinascita manifatturiera in corso in America”. Con queste parole il vice segretario all’Energia statunitense, Mark W. Menezes, apre il nuovo Hydrogen Program Plan. Il numero due del Doe ha presentato la scorsa settimana il piano governativo dedicato alle tecnologie dell’idrogeno. Ma a differenza delle ambiziose strategie industriali presentate in questi mesi dai Paesi Ue, Cile e Giappone, il piano stelle e strisce si tiene un passo indietro. E anziché sostenere precisi target produttivi, preferisce limitarsi all’ambito R&S. L’obiettivo del programma è chiaro: fornire un quadro strategico per le attività di ricerca, sviluppo e dimostrazione con cui portare le tecnologie dell’idrogeno ad una nuova competitività.

Leggi anche Il Cile presenta la più ambiziosa strategia nazionale dell’idrogeno

A livello pratico il Hydrogen Program Plan coordinerà gli spazi dipartimentali per promuovere la produzione, il trasporto, lo stoccaggio e l’uso del carburante a prezzi accessibili in diversi settori dell’economia. Il Piano prevede la partecipazione degli Uffici per l’Efficienza Energetica e le Energie Rinnovabili, e l’Advanced Research Projects Agency–Energy.

“L’idrogeno ha il potenziale per integrare le risorse energetiche della nostra nazione, ma per riconoscerne appieno il valore in tutta l’economia, dobbiamo ridurre i costi e vedere un aumento significativo della domanda e dell’offerta”, ha aggiunto il Segretario del DoE, Dan Brouillette“Questa amministrazione è entusiasta degli sforzi e delle collaborazioni delineati in questo piano; sforzi che affronteranno i problemi e contribuiranno a garantire l’idrogeno come opzione nel futuro energetico della nazione”.

Il primo obiettivo è abbassare i costi di produzione. Tramite elettrolisi a bassa temperatura questi costi sono legati ovviamente a quelli dell’elettricità: attualmente la spesa varia da 5 a 6 dollari per kg di H2 con un prezzo dell’elettricità tra 0,05–0,07 dollari/ kWh. L’obiettivo del Doe è riuscire a scendere sotto i 2 dollari al kg per l’impiego nei trasporti e sotto 1 dollaro per applicazioni industriali.

Leggi anche Costi dell’idrogeno verde, verso taglio del 64 per cento

Una volta che l’idrogeno è stato trasportato al sito di utilizzo, potrebbe essere necessario condizionarlo mediante pressurizzazione, raffreddamento e / o purificazione. Per il DoE “sono necessari sforzi di R&S per ridurre i costi, migliorare l’affidabilità e aumentare il rendimento dei sistemi di erogazione e degli altri impianti correlati preso le stazioni di rifornimento“. Gli obiettivi del Dipartimento sono portare i costi di trasmissione ed erogazione sotto i 5 dollari per kg per gli usi finali nel settore trasporto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui