Cantieri e concerti a idrogeno, l’obiettivo del progetto Everywh2ere

L’iniziativa mira a dimostrare l’affidabilità dei gruppi elettrogeni dotati di celle a combustibile per soddisfare e esigenze energetiche di porti, festival o eventi pubblici temporanei

concerti a idrogeno
Credits: Everywh2ere

Concerti a idrogeno per una musica live a zero emissioni

(Rinnovabili.it) – Le città europee possono diventare un laboratorio vivente per la dimostrazione delle tecnologie a fuel cell (celle a combustibile) a partire da un utilizzo di nicchia ma quotidiano. Questa la convinzione di Everywh2ere, progetto di ricerca europeo che promette un futuro di eventi e concerti a idrogeno. L’iniziativa raccoglie 13 partner provenienti da 6 paesi dell’UE (Italia, Finlandia, Svezia, Germania, Francia, Spagna) ciascuno con conoscenze di alto valore in tutti i rami scientifici e tecnologici necessari all’obiettivo finale. Quale? Creare sistemi di alimentazione elettrica affidabili, modulari, trasportabili, a zero emissioni e a zero rumore. 

Lanciato ufficialmente nel 2018, a due anni dalla fine Everywh2ere ha già un solido risultato. I partner hanno realizzato i primi gruppi elettrogeni basati su fuel cell a idrogeno con due taglie di potenza: 4 × 25 kW e 4 × 100 kW. La taglia più grande è in grado di assicurare una durata di 5000 ore. I sistemi sono di tipo “plug and play”. In altre parole basta portarli sul sito e allacciare le prese alla loro scatola. Il tutto garantendo la piena sicurezza e un inquinamento acustico e atmosferico inesistente.

Leggi anche Fuel cell a ossido solido, Bosch punta alle applicazioni stazionarie

“Negli ultimi anni – si legge sul sito del progetto – la riduzione delle emissioni inquinanti e acustiche è diventata una priorità per le autorità locali, non solo per ciò che riguarda il ‘rumore di fondo urbano’ (ossia il traffico) ma anche per ciò che riguarda le emissioni e il rumore ‘aggiuntivo’ legati a eventi temporanei e cantieri. Il rumore ambientale colpisce un gran numero di europei e il pubblico in generale lo percepisce come uno dei principali problemi ambientali. Poiché i persistente e inevitabile, una percentuale significativa della popolazione risulta esposta ad esso (il 75% dei cittadini dell’UE vive nelle città)”. In questo contesto i gruppi elettrogeni a fuel cell di Everywh2ere possono dare una mano significativa, promuovendo nel contempo l’accettabilità sociale verso tali tecnologie.

L’iniziativa mira a dimostrare il potenziale di questa soluzione, individuando le ultime barriere tecniche e non da superare prima della commercializzazione dei prodotti nel 2025. Ma, pandemia permettendo, non bisognerà attendere troppo per vedere i primi concerti a idrogeno. Già quest’anno, infatti, gli speciali gruppi elettrogeni inizieranno a viaggiare in tutta l’Unione europea per fornire energia a zero emissioni a cantieri edilizi, festival e altri eventi pubblici temporanei.

Leggi anche Camion a fuel cell: l’accordo Volvo-Daimler in nome dell’idrogeno

Articolo precedenteLa qualità dell’aria non è una priorità per la Cina
Articolo successivoSingapore sceglie gli elettrocarburanti per tagliare le emissioni navali

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui