Idrogeno ecologico da alcoli rinnovabili

Sviluppato dall’Istituto di chimica dei composti organomettalici del Cnr il sistema in grado di produrre idrogeno pulito con un risparmio energetico pari al 60%

Idrogeno ecologico da alcoli rinnovabili.(Rinnovabili.it) – Idrogeno pulito prodotto grazie a un elettrolizzatore a partire da alcol etilico. È il sistema sviluppato dall’Istituto di chimica dei composti organomettalici (Iccom) del Consiglio nazionale delle ricerche, e pubblicato sulla rivista Nature Communication, grazie al quale è possibile produrre idrogeno ecologico ed efficiente con un risparmio energetico del 60%. Il team di ricercatori ha messo a punto un elettrodo nanostrutturato che, a partire da soluzioni acquose da etanolo, glicerolo o alcoli superiori estratti da biomasse, i cosiddetti alcoli rinnovabili, è in grado di produrre idrogeno pulito e sicuro. Con il nuovo metodo, infatti, la produzione di idrogeno esclude quella di ossigeno rendendo il processo più sicuro e conveniente.

 

“Comunemente l’idrogeno – ha spiegato il Direttore della ricerca, Francesco Vizza – si ottiene dal metano, un metodo che produce CO2 e quindi inquina. Un’alternativa pulita è quella dell’elettrolisi dell’acqua, processo che implica la scomposizione dell’acqua in ossigeno e idrogeno a zero emissioni, ma ha un elevato consumo energetico e, quando prodotto in alta pressione, presenta problemi di sicurezza poiché il mescolamento dei due elementi può generare miscele esplosive”.

 

Che per rompere l’acqua in presenza di alcoli servisse meno energia era noto, ma nessuno prima aveva pensato di sfruttare queste caratteristiche degli alcoli rinnovabili nella produzione di idrogeno. I risultati ottenuti superano di gran lunga quanto imposto dal Dipartimento di energia statunitense (DOE), che ha fissato, entro il 2020, a 43 kWh per chilogrammo di idrogeno prodotto il limite di consumo di energia elettrica: i chilowattora consumati per produrre un chilogrammo di idrogeno con questo sistema sono pari a 18,5.

 

Tra le ricadute tecnologiche di questa scoperta, oltre alla generazione di corrente elettrica, l’elettrolizzatore messo a punto consente di ottenere composti ad alto valore aggiunto utili nella cosmetica, nell’industria tessile, nel settore alimentare e nella produzione di plastiche biodegradabili, offrendo una valida alternativa ai costosi e inquinanti attuali processi industriali.

Articolo precedenteShopper non compostabili: divieto immediato di commercializzazione
Articolo successivoInverter solari piccoli come laptop, la nuova sfida di Google

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui