Idrogeno rinnovabile, servono autorizzazioni più veloci e reti più forti

Sono le richieste contenute nella Carta della Renewable Hydrogen Coalition, gruppo di pressione fondato da SolarPower Europe e WindEurope lo scorso novembre

idrogeno rinnovabile
Foto di rihaij da Pixabay

5 punti per consolidare il mercato europeo dell’idrogeno rinnovabile

(Rinnovabili.it) – “L’Hydrogen Strategy della Commissione europea ha stabilito precise ambizioni nello sviluppo di un’economia dell’idrogeno basata sulle energie rinnovabili. Siamo pronti a trasformare queste ambizioni in realtà”. Con queste parole la Coalizione dell’Idrogeno Rinnovabile fondata dalle associazioni SolarPower Europe e WindEurope lo scorso novembre, ha presentato ai politici UE la propria carta politica. Un documento firmato da grandi aziende del settore green energy europeo, che delinea oggi i passi politici per concretizzare la strategia di Bruxelles.

“Per la maggior parte dei settori, l’elettrificazione basata su fonti rinnovabili è l’opzione di decarbonizzazione più conveniente ed efficiente dal punto di vista energetico”, si legge nella Carta. “Tuttavia alcuni comparti non possono essere elettrificati per motivi tecnici o di costo”. Ed è qui, secondo la colazione, che entrerebbe in gioco l’idrogeno rinnovabile e Made in Europe. Il documento riporta brevemente una serie di punti su cui concentrare l’azione del Blocco nel processo di decarbonizzazione comunitaria.

E una delle prime richieste è ovviamente quella di dare priorità e accelerare, ove possibile, l’elettrificazione basata su fotovoltaico ed eolico, applicando il principio di efficienza energetica dell’UE, in settori chiave dell’economia come il riscaldamento e il raffrescamento e una buona parte di trasporti e industria.

Leggi anche Strategia italiana sull’idrogeno: 5GW di capacità e 200mila posti di lavoro

Il passo successivo dovrebbe essere quello di identificare le “priorità settoriali” della futura domanda dell’UE di idrogeno rinnovabile e di combustibili elettrici (ossia prodotti tramite power-to-gas); con un focus su industria pesante e trasporto ad alta intensità energetica. “Con la maturazione della tecnologia, sarà sempre più necessaria una rapida espansione, un’ulteriore standardizzazione e implementazione per ridurre i costi e garantire la fattibilità economica dell’idrogeno rinnovabile”, scrivono i sostenitori della Coalizione.

 La Carta sottolinea anche la necessità di:

  • Accelerare e distribuire in modo massiccio ulteriore capacità verde in tutta Europa, come prerequisito di una fiorente industria dell’idrogeno pulito.
  • Semplificare gli investimenti nell’infrastruttura per evitare di spendere i soldi dei contribuenti dell’UE in asset bloccati.
  • Introdurre meccanismi di supporto che consentano l’adozione competitiva dell’idrogeno rinnovabile e dei combustibili “elettrici” derivati, ​​in settori difficili da elettrificare.
  • Intensificare il sostegno alla ricerca, innovazione e dimostrazione della prossima generazione tecnologica.
  • Garantire parità di condizioni tra i vettori energetici, in particolare tramite norme fiscali.
Articolo precedenteVicepresidente UE Šefčovič: inserire batterie e materie prime nei PNRR
Articolo successivoCon le emissioni negative la neutralità climatica non salva il Pianeta

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui