UE: ok all’IPCEI Hy2Use, 5.2mld in aiuti di Stato all’idrogeno

La Commissione europea ha approvato l’Hy2Use, un secondo importante IPCEI dedicato alla catena del valore dell’idrogeno.

IPCEI Hy2Use
via depositphotos.com

Nuovi aiuti di Stato per la catena dell’idrogeno europeo

(Rinnovabili.it) – Via libera all’IPCEI HyUse, il secondo importante progetto di comune interesse europeo dedicato all’idrogeno europeo. La Commissione UE ha dato oggi il suo benestare all’iniziativa e ai 5,2 miliardi di euro di finanziamenti pubblici che gli Stati partecipanti erogheranno per il suo sostegno. Sono coinvolti: Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Grecia, Italia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Slovacchia, Spagna e Svezia.

“L’industria europea è un leader tecnologico nel settore dell’idrogeno a livello mondiale”, spiega Thierry Breton, Commissario responsabile per il Mercato interno. “È giunto il momento di introdurre le nostre tecnologie nelle fabbriche europee. Gli IPCEI relativi all’idrogeno sovvenzionano proprio questo: una prima generazione di progetti industriali dedicati all’H2 su vasta scala in Europa“.

leggi anche Idrogeno verde dall’aria, per creare carburanti solari anche nel deserto

IPCEI HyUse, oltre a 12 miliardi di investimenti previsti 

L’IPCEI Hy2Use coinvolgerà 29 imprese e alcune startup su 35 sotto-progetti a copertura della catena del valore dell’idrogeno. Per la precisione i partecipanti si dedicheranno allo sviluppo di elettrolizzatori e infrastrutture di trasporto su larga scala e alla messa a punto di tecnologie innovative e più sostenibili per l’integrazione del vettore nei processi industriali più difficili da decarbonizzare. Dalla produzione dell’acciaio a quella del vetro. Con l’obiettivo di realizzare impianti e soluzioni che vadano al di là di quanto attualmente già offerto dal mercato. 

I Paesi erogheranno a supporto fino a 5,2 miliardi di euro in aiuti di Stato, che dovrebbero stimolare ulteriori 7 miliardi in investimenti privati. E le imprese partecipanti condivideranno i risultati del progetto su larga scala con la comunità scientifica e l’industria europea per ottenere ricadute positive in tutta l’Europa.

Leggi anche Il Consiglio Energia studia un price cap sul carbone

L’idrogeno rappresenta un fattore di svolta per l’Europa”, sottolinea la presidente dell’Esecutivo UE, Ursula von der Leyen. È fondamentale per diversificare le nostre fonti energetiche e contribuire a ridurre la nostra dipendenza dal gas russo. Dobbiamo fare di questo mercato attualmente di nicchia uno su vasta scala. Per questo motivo stiamo creando una banca per l’idrogeno e incrementeremo la nostra partecipazione finanziaria a importanti progetti di comune interesse europeo. In tal modo contribuiremo a far sì che si concretizzino innovazioni pionieristiche, che avranno ricadute positive per tutta l’economia dell’UE, e ad alimentare l’economia del futuro”.

Un impianto di idrogeno dai rifiuti per Roma

C’è anche un po’ di Italia nel nuovo IPCEI Hy2Use. Nella lista di progetti che riceveranno i finanziamenti pubblici compaiono le iniziative di quattro aziende nazionali, quali NextChem, Rina-CSM, SardHy Green Hydrogen e South Italy Green Hydrogen. tutte in ambito “applicazioni industriali”. Su cosa si focalizzeranno? I primi dettagli arrivano dalla controllata di Maire Tecnimont. A NextChem è stato assegnato un contributo di 194 milioni di euro a fondo perduto per lo sviluppo di un impianto waste-to-hydrogen. La struttura sorgerà a Roma e impiegherà la tecnologia di MyRechemical per trasformare i rifiuti solidi non riciclabili della Capitale in “idrogeno circolare“.

Nella fase iniziale – spiega la società in una nota stampa – si prevede la produzione di 1.500 tonnellate/anno di H2 e 55.000 tonnellate/anno di etanolo. La produzione di idrogeno crescerà in funzione dell’evoluzione della domanda, fino a 20.000
tonnellate annue, riducendo proporzionalmente i volumi di etanolo.

Articolo precedentePerché stanno aumentando le emissioni di metano da specchi d’acqua?
Articolo successivoEprcomunicazione diventa B-Corp, prima in Italia tra le grandi aziende di comunicazione

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui