La futura produzione di idrogeno? Modulare e orientata alla domanda

I ricercatori del Fraunhofer IFF di Magdeburgo stanno progetto l’impianto modello: una centrale per la produzione distribuita di idrogeno verde collegabile a industria pesante, imprese e trasporti

produzione di idrogeno
Credits: © Fraunhofer IFF

Indagato un approccio site-specific per la produzione di idrogeno verde a livello di parchi industriali e commerciali

(Rinnovabili.it) – La produzione di idrogeno del futuro? Nella mente del dottor Torsten Birth ha un modello ben preciso che comprende tutta la catena del valore. Birth è un ricercatore del Fraunhofer Institute for Factory Operation and Automation di Magdeburgo e assieme ad alcuni colleghi sta progettando il domani di questo vettore.

Nel dettaglio il gruppo sta studiando un modello di centrale modulare, distribuita e orientata alla domanda. A beneficiare della produzione saranno i veicoli a fuel cell, compresi furgoni e carrelli elevatori che operano in parchi industriali. Ma non solo. “Vogliamo inoltre fornire elettricità, gas e calore all’industria”, spiega Birth. “L’idrogeno prodotto durante l’elettrolisi può essere iniettato nella rete del gas, utilizzato come combustibile, convertito in metano o metanolo e reso disponibile come materia prima”.

Leggi anche Il più grande impianto di idrogeno verde al mondo sorgerà nei Paesi Bassi

Uno dei primi passi in tal senso consiste nello sviluppare sottocomponenti espandibili e modulari per permettere ad aziende e industrie di implementare la propria fabbrica di idrogeno. A seconda delle condizioni del sito, la produzione di idrogeno si affiderà all’elettrolisi o a processi biochimici. “Non è possibile costruire impianti eolici e fotovoltaici ovunque”, ha aggiunto l’ingegnere. “Stiamo optando per soluzioni site-specific e, ove possibile, utilizziamo impianti a biogas per la sintesi. I piani per un primo impianto pilota vicino a Gommern in Sassonia-Anhalt sono già sul tavolo da disegno”.

La struttura in questione fa parte del progetto HyPerFerMent I per produrre idrogeno rinnovabile da biomassa. “La produzione fermentativa di idrogeno verde svolgerà un ruolo importante nella generazione distribuita di questo vettore energetico in futuro”, afferma Birth.

I ricercatori del Fraunhofer stanno collaborando con diverse aziende per testare uno speciale processo di fermentazione microbica. In questo caso i rifiuti organici forniscono la materia prima e i batteri fanno il lavoro digestivo, rilasciando una miscela di CO2 e H2. Insieme a Anleg GmbH stanno invece realizzando il Mobile Modular H2 Port (MMH 2 P), una stazione di rifornimento portatile per viaggi brevi fino a 200 chilometri.

Leggi anche Idrogeno rinnovabile: servono sussidi per renderlo competitivo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui