Primi progetti transfrontalieri in GU, cosa farà l’Italia?

Pubblicato il regolamento delegato che stabilisce l’elenco dei progetti transfrontalieri selezionati nel settore dell’energia rinnovabile: dall’eolico offshore ibrido di Lettonia ed Estonia al teleriscaldamento a zero emissioni di Germania e Polonia, fino al maxi progetto dedicato all’idrogeno verde che attraverserà l’Europa

progetti transfrontalieri
via depositphotos.com

(Rinnovabili.it) – Sono solo tre ma sono le iniziative che faranno da apripista al rinnovato spirito di collaborazione europea sul fronte della transizione energetica. Parliamo dei primi progetti transfrontalieri nelle rinnovabili previsti dal Regolamento CEF (Connecting Europe Facility). La Commissione ha pubblicato ieri nella Gazzetta Ufficiale Europea la piccolissima lista di progetti che potranno ora presentare domanda di finanziamento nell’ambito del meccanismo per collegare l’Europa. Di cosa si tratta? Di impianti e infrastrutture alimentati grazie alle green energy e inclusi in un accordo di cooperazione tra due o più Stati membri (ma è contemplata anche la partecipazione di Paesi terzi).

Nell’elenco figurano:

Numero del progettoTitolo del progettoPromotori del progettoPaesi partecipanti
2022-05ELWIND — Progetto congiunto Estonia-Lettonia per l’eolico ibrido offshoreMinistero degli Affari economici e delle comunicazioni estone; ministero dell’Economia lettoneEstonia e Lettonia
2022-07CEO Alliance — Alleanza transfrontaliera europea per la catena del valore dell’idrogeno verdeEON.SE; ENEL Green Power SpA; IBERDROLA CLIENTES S.A.U.Germania, Italia, Spagna e Paesi Bassi
2022-10Teleriscaldamento climaticamente neutro nella città europea di Görlitz-ZgorzelecStadtwerke Görlitz AG; SEC Zgorzelec Sp. z o.o.Germania e Polonia

La selezione ha seguito precisi criteri: le iniziative in lista consentiranno di risparmiare sui costi connessi all’utilizzo dell’energia rinnovabile e assicureranno che i potenziali vantaggi globali della cooperazione, valutati in base all’analisi dei costi/benefici, siano superiori ai suoi costi. Anche sul lungo termine.

leggi anche Terna inaugura Tyrrhenian Lab, centro di formazione “diffuso” per la transizione energetica

Una catena del valore dell’idrogeno verde su scala industriale

C’è dunque anche un po’ di Italia nel primo pool di progetti transfrontalieri 2022. Nel dettaglio E.ON, Enel, Iberdrola, ABB e SAP stanno collaborando per costruire una catena del valore dell’idrogeno verde su scala industriale per servire il mercato europeo. L’impresa mira a sfruttare il vantaggio competitivo dei partner nella costruzione di una produzione rinnovabile nell’Europa meridionale per fornire idrogeno verde e ammoniaca verde a poli industriali e ai consumatori dell’Europa centrale e settentrionale, con particolare attenzione all’area della Ruhr tedesca.

In questo contesto luna parte dell’energia rinnovabile prodotta in Italia da EGP verrà destinata in Germania per alimentare un elettrolizzatore da 20 MW.

Articolo precedenteCOP27: esce la 1° bozza di decisione su perdite e danni
Articolo successivo“Sblocchiamo le comunità energetiche!”   

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui