“Pee power”: dall’urina energia pulita a basso costo

I ricercatori dell’Università di Bath hanno sviluppato un’innovativa cella a combustibile in miniatura E’ più piccola, più potente e più economica di qualsiasi dispositivo simile mai realizzato

“Pee power”: dall’urina energia pulita a basso costo

 

(Rinnovabili.it) – Riuscire a creare dai rifiuti umani energia che sia low cost, portatile e al tempo stesso sostenibile, è un traguardo a cui aspirano in tanti. All’Università di Bath, nel Regno Unito, questo traguardo è finalmente stato tagliato grazie alla creazione di un dispositivo che produce energia pulita dalle urine.

La tecnologia alla base del meccanismo è nota da tempo – una fuel cell microbica (FCM) – e di dispositivi in fase di prototipo o già brevettati ne è piena la letteratura scientifica. Cosa ha dunque di innovativo il lavoro degli scienziati britannici?  Il team, di cui fanno parte Jon Chouler, Mirella Di Lorenzo e Petra Cameron, ha messo a punto la cella a combustibile microbica più piccola, più potente e più economica mai realizzata.

 

Questa nuova MFC misura solo misura 6,4 cm2 di dimensione e utilizza un catalizzatore al carbonio a livello del catodo derivato da glucosio e ovalbumina, una proteina presente nel bianco d’uovo. Questo catalizzatore derivato dalla biomassa è rinnovabile e molto più conveniente dell’alternativa al platino, comunemente usato nelle celle a combustibile. I batteri, solitamente  Shewanella putrefaciensAeromonas hydrophila, fanno il resto del lavoro.

 

I ricercatori hanno lavorato sulla progettazione della cella per massimizzare la potenza generata. Aumentando la lunghezza degli elettrodi da 4mm a 8mm, sono riusciti a moltiplicare per dieci il valore standard, raggiungendo i 2 Watt per metro cubo (abbastanza per alimentare un cellulare). Inoltre, impilando più unità insieme, la potenza può essere aumentata proporzionalmente. Anche se questo valore non è paragonabile con quello di altre tecnologie alternative come le celle a idrogeno, il significativo vantaggio sul costo di produzione (non più di due sterline a unità) e sul materiale combustibile (semplice urina), lo rende un’alternativa allettante. Il documento di ricerca completo “Towards effective small scale microbial fuel cells for energy generation from urine”, pubblicato su Electrochimica Acta può essere consultato on-line.

Articolo precedentePistoia, la prima vertical farm italiana sbatte contro la legge
Articolo successivoAllarme clima: marzo è 1,07 gradi più caldo della media

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui