Il gigante dei fondi BlackRock ridurrà gli investimenti nei combustibili fossili

La più grande società di investimento nel mondo ha annunciato la propria intenzione di diventare attore attivo nella transizione energetica e nella lotta alla crisi climatica. Ma gli ambientalisti accolgono la notizia con cautela

investimenti nei combustibili fossili
By Jim.hendersonOwn work, Public Domain, Link

BlackRock guarda ad una “nuova finanza” ridimensionando i propri investimenti nei combustibili fossili

(Rinnovabili.it) – Nuovo cambio di rotta nel mondo della finanza e degli investimenti nei combustibili fossili. BlackRockla più grande società di investimento al mondo, ha annunciato che metterà la sostenibilità al centro delle sue future politiche finanziarie.

Con una lettera rivolta agli amministratori delegati, il fondatore Larry Fink ha spiegato come l’emergenza climatica stia drasticamente modificando il modo in cui gli investitori guardano alle prospettive a lungo termine delle singole aziende. “La consapevolezza sta cambiando rapidamente – ha scritto Fink – e credo che ormai siamo giunti ad un punto di rimodellamento strutturale dell’intera finanza”.

 

Una dichiarazione che segna di per sé un significativo cambio di direzione, considerando che solo lo scoro anno, nella sua lettera annuale del 2019, lo stesso Fink aveva eloquentemente spiegato che il suo principale dovere era quello di “fare soldi con i clienti”.
Il nuovo anno parrebbe invece cominciato sotto tutt’altri auspici. Per il 2020 la società ha identificato nuove politiche finanziarie, tra cui una netta riduzione degli investimenti nei combustibili fossili a partire dal carbone. “BlackRock – continua la lettera   non si considera un osservatore passivo nella transizione a basse emissioni di carbonio. Riteniamo di avere una responsabilità significativa – come fornitori di fondi indicizzati, come fiduciari e come membri della società – nella transizione energetica”. e in una missiva separata dedicata ai propri clienti ha promesso che aumenterà il numero di versioni “sostenibili” dei suoi prodotti finanziari. 

>>Leggi anche BlackRock ha perso 90 miliardi di dollari investendo in energie fossili<<

 

Poiché tuttavia nel portafoglio azionario di BlackRock compaiono, tra gli altri, anche alcuni tra i principali produttori di petrolio come BP, Shell ed ExxonMobil, l’annuncio di Fink ha immediatamente attivato diversi gruppi ambientalisti, scettici circa le reali intenzioni della società. In prima linea, tra questi, Extinction Rebellion, che subito ha accusato la società di ipocrisia e greenwashing: “le società minerarie e  i grandi inquinatori del mondo – hanno commentato gli attivisti di ER –  non perderanno alcun sonno. BlackRock rimane invischiato in investimenti nei combustibili fossili, nonché il principale finanziatore delle aziende che distruggono la foresta pluviale amazzonica e ignorano i diritti degli indigeni.

 

Opinione non condivisa dagli analisti e da altri gruppi di pressione ambientale che, al contrario, hanno favorevolmente accolto l’annuncio: ”Mettere i cambiamenti climatici al centro della propria attività è il modo in cui ogni azienda dovrebbe rispondere a questa emergenza planetaria”, ha affermato Diana Best, senior strategist di Sunrise Project. ”BlackRock che inizia il suo trasferimento di capitali dai combustibili fossili, incluso il disinvestimento del carbone nei suoi fondi, è un inizio fantastico e solleva immediatamente l’asticella per le concorrenti Vanguard e State Street Global Advisors”.

La lettera di Fink arriva pochi giorni dopo alla sua formale adesione a Climate Action 100+, gruppo di pressione che chiede ai maggiori inquinatori di ridurre le proprie emissioni e di “rispondere alla crisi climatica”. 

Leggi anche: “BEI: stop agli investimenti fossili entro il 2020”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui