Smart grid PNRR, il Mite pubblica l’avviso. Obiettivo: integrare 4GW di fer

Il Ministero della Transizione ecologica invita i distributori a presentare proposte progettuali finalizzate a realizzare e potenziare le infrastrutture per la distribuzione elettrica. Disponibile una dotazione finanziaria complessiva di oltre 3,6 miliardi

Smart grid PNRR
via depositphotos.com

Parte il Bando ministeriale per l’intervento di “Rafforzamento smart grid PNRR”

(Rinnovabili.it) – Via libera alle proposte per il rafforzamento delle smart grid nell’ambito del PNRR. Il Ministero della Transizione ecologica ha pubblicato in questi giorni l’avviso pubblico con cui raccogliere i nuovi progetti di potenziamento e digitalizzazione delle reti. “L’intervento – si legge nel Piano nazionale di ripresa e resilienzaè finalizzato ad aumentare il grado di affidabilità, sicurezza e flessibilità del sistema energetico nazionale, aumentando la quantità di energia prodotta da rinnovabili immessa nella rete di distribuzione e promuovendo una maggiore elettrificazione dei consumi”. Un’operazione che si è conquistata ben 3,6 miliardi del totale assegnato all’Italia dal fondo NextGenerationEU.

leggi anche Modello unico semplificato per fotovoltaico fino a 200 kW, ora in vigore

Le risorse andranno a sostenere due diverse linee progettuali: la prima mira ad aumentare la cosiddetta “Hosting Capacity“, ossia la capacità di ospitare e integrare nuovi impianti rinnovabili, per una potenza complessiva di 4 GW entro la prima metà del 2026. La seconda punta ad incrementare la potenza a disposizione di almeno 1.500.000 abitanti per favorire l’elettrificazione dei consumi (es. mobilità elettrica, riscaldamento con pompe di calore); sempre entro lo stesso limite di tempo.

Gli interventi ammessi

Secondo quanto riportato da Bando “Rafforzamento smart grid PNRR”, un miliardo di euro dei 3,6 stanziati, coprirà i progetti di aumento della capacità, mentre il resto sosterrà gli interventi di elettrificazione dei consumi.

Le proposte progettuali potranno prevedere: 

  • la sostituzione e/o aggiunta di trasformatori in impianti primari (AT/MT, MT/MT) e impianti secondari (MT/BT); 
  • la costruzione di impianti primari, linee MT, impianti secondari, linee BT;
  • il rifacimento di linee MT e BT (incremento della portata nominale, inclusa bonifica delle colonne montanti di edificio);
  • dispositivi di regolazione (OLTC, AVR);

 Per la realizzazione degli interventi legati all’Hosting Capacity è stabilito un costo massimo di euro di 250.000 euro/MW. Per quelli di elettrificazione dei consumi il costo massimo è fissato in 1.740 euro/abitante.

Articolo precedenteBuste di plastica compostabile: la Commissione Ecomafie fa il punto sulle shopper illegali
Articolo successivoEtichette fronte pacco, il colore vale più delle informazioni?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui