Simson: le tecnologie rinnovabili offshore triplicheranno i posti di lavoro

Per la Commissaria europea all’Energia “la rapida crescita del settore darebbe una spinta alle nostre economie creando posti di lavoro verdi di alta qualità”.

tecnologie rinnovabili offshore
Via depositphotos.com

Servono reti e semplificazioni burocratiche per far crescere le tecnologie rinnovabili offshore nell’UE

(Rinnovabili.it) – Le tecnologie rinnovabili offshore possono costituire la nuova spinta economica europea. Ne è convita la Commissione UE che al settore ha dedicato una strategia ad hoc per accrescere capacità produttiva e competenze. D’altra parte il Blocco può contare già oggi su un vantaggio tecnologico e geografico non da poco.

“L’UE, con i suoi cinque bacini marittimi, regioni ultraperiferiche e territori d’oltremare – ha spiegato la Commissaria all’energia Kadri Simson dal palco della COP26 – dispone di un enorme potenziale per l’offshore, in particolare l’eolico. L’Unione conta oggi su ben 12 GW di aerogeneratori in mare e 13 MW di sistemi a moto ondoso già installati. E la Strategia ha fissato obiettivi ambiziosi: 300 GW di capacità eolica in mare e 40 GW di tecnologie rinnovabili offshore come il solare galleggiante, gli impianti di marea e per lo sfruttamento delle onde, entro il 2050.

 “Aumentare l’energia off-shore è ovvio dal punto di vista climatico, ma porta anche altri vantaggi”, ha aggiunto Simson. “L’Unione europea è un leader mondiale in questo settore, ospitando le più grandi società di turbine e possedendo la quota maggiore di brevetti aziendali sull’energia oceanica. Aumentarne la crescita darebbe una spinta alle nostre economie e creerebbe lavori verdi di alta qualità. Questa è sempre una considerazione importante, ma lo è ancora di più oggi, nella ripresa post-pandemia”.

Bruxelles prevede che i posti di lavoro nelle energie rinnovabili offshore triplicheranno nel continente entro il 2030. A titolo di confronto oggi l’eolico marino dà lavoro a 62.000 persone, l’energia oceanica a circa 2.500.

Perché la rivoluzione offshore si concretizzi, ovviamente abbiamo bisogno di ambizione e investimenti, ma ci sono anche alcune considerazioni più pratiche. In primo luogo, necessitiamo di reti adeguate sia a terra che in mare. La pianificazione dell’infrastruttura offshore va oltre i confini nazionali e deve tenere conto dell’intero bacino marittimo“. In quest’ottica, un aiuto arriverà dalla revisione del regolamento sulle reti transeuropee per l’energia (TEN-E).

“In secondo luogo, dobbiamo snellire il processo di autorizzazione, che è diventato un serio collo di bottiglia per far decollare i progetti in mare. Secondo le regole Ue, i permessi dovrebbero essere concessi in due anni, mentre in realtà possono volerci anche sei o sette anni”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui