Energie rinnovabili 2023, in Italia coperto 36.8% dei consumi

La copertura verde della domanda cresce sia rispetto al 2022 che al 2021, mentre le fonti fossili nostrane scendono al 46.5%

Energie rinnovabili 2023
Foto di Jason Blackeye su Unsplash

Le energie rinnovabili 2023 hanno prodotto 112,7 TWh 

(Rinnovabili.it) – Come è andato il 2023 per le energie rinnovabili italiane? A rispondere sono i dati d’esercizio pubblicati mensilmente da Terna. L’ultimo rapporto dall’anno fornisce le performance del sistema elettrico nazionale aggiornate al 31 dicembre 2023, con un focus sul mese appena passato e uno sguardo d’insieme all’intero anno. Un anno in cui produzione e domanda elettrica nazionale sono state complessivamente contenute. 

Il documento mostra infatti un calo sia nella generazione elettrica totale netta (-7,7%), che nella richiesta di energia alla rete (-2,8%) rispetto allo stesso periodo del 2022. In compenso la quota verde è cresciuta. Nel dettaglio la produzione elettrica 2023 da fonti rinnovabili è risultata pari a 112,7 TWh in aumento rispetto al 2022 (+15,4%) quando i TWh erano solo 97,6. In altre parole le FER hanno contribuito per il 43,8% alla generazione elettrica totale netta. Scendendo in dettaglio si scopre che la parte da leone la recitata l’idroelettrico, in forte ripresa dopo la crisi siccitosa del 2022 e a cui spetta il 33,9% della produzione rinnovabile totale. Segue il fotovoltaico con una quota del 27,2%, l’eolico (20,8%), le biomasse (13,4%) e la geotermia (4,7%)

Positivo anche il dato della domanda. Le energie rinnovabili 2023 in Italia hanno soddisfatto complessivamente il 36,8% del fabbisogno elettrico, rispetto al 31% del 2022. Sul fronte della potenza installata nel 2023, la capacità fotovoltaica in esercizio è aumentata di 5.234 MW, pari ad una crescita del 111%. La capacità eolica in esercizio è invece aumentata di 487 MW, dato in calo del 7% rispetto all’incremento 2022.

Saldo con l’estero in aumento

“Relativamente all’offerta, nel 2023 non solo si è registrata una crescita rilevante della produzione rinnovabile […], ma anche un importante aumento del saldo netto con l’estero (+19,2%) come conseguenza di una forte diminuzione dell’export (-24,4%) e di un aumento dell’import (+15,2%)”, scrive Terna in una nota stampa.

leggi anche KEY 2024, la Fiera della Transizione Energetica fa il pieno di novità

“Rilevante per tale aumento il ruolo delle interconnessioni, come strumento di efficienza e sicurezza per il sistema elettrico. Tutto ciò ha necessariamente comportato una conseguente contrazione della produzione termoelettrica (-17,4%) e, in particolare, di quella a carbone (-41,7%). La contrazione della produzione a carbone è anche conseguenza della interruzione, nel corso del 2023, delle iniziative di massimizzazione dell’utilizzo delle centrali a carbone messe in atto durante il periodo più critico della crisi gas. Relativamente alla contrazione della produzione termoelettrica, nel 2023 si è registrato anche un risparmio di gas rispetto allo scorso anno di circa 4 miliardi standard metri cubi”.

Articolo precedenteTrasmettere energia solare dallo Spazio, SSPD-1 è un successo
Articolo successivoSMA si classifica al 10º posto nel Global 100 Index delle aziende più sostenibili al mondo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Leave the field below empty!