Rinnovabili non programmabili senza sorprese con SunRiSe

Dalla società per azioni del GSE arriva la piattaforma che consente la consultazione di misure, stime da satellite e previsioni, delle fonti rinnovabili non programmabili

Fotovoltaico 2015 le stelle nascenti sono Cile e Algeria

(Rinnovabili.it) – Rendere le fonti rinnovabili non programmabili, come l’eolico e il fotovoltaico, meno imprevedibili. Questo l’obiettivo di SunRiSE, il portale web-gis  sviluppato da RSE (Ricerca sul Sistema Energetico), società per azioni del Gruppo GSE.

 

Il nuovo strumento digitale è stato progettato per permettere agli utenti di diminuire l’incertezza che caratterizza la disponibilità delle energie rinnovabili. La loro possibilità di sfruttamento, spiega in una nota stampa lo stesso RSE, “spesso non è nota con anticipo sufficiente da consentirne una programmazione in funzione delle esigenze degli utenti”.

 

Dal momento che i sistemi di stoccaggio energetico non ancora diffusi in maniera proporzionale agli impianti alimentati a fonti rinnovabili allacciati in rete, questa incertezza previsionale si riflette in un aumento del rischio di instabilità del sistema elettrico. “Risulta sempre più importante, pertanto, poter disporre di strumenti che consentano il monitoraggio e la previsione di queste fonti energetiche”, aggiunge l’RSE.

 

E’ in questo contesto che s inserisce il lavoro svolto dalla società. Il portale è progettato per ricevere, immagazzinare, elaborare, analizzare, gestire e rappresentare dati di tipo geografico, permettendo agli utenti registrati la consultazione libera e gratuita di misure, stime da satellite e previsioni delle fonti primarie delle rinnovabili non programmabili. All’atto pratico SunRiSE mette a disposizione i dati del passato, del presente e del futuro a breve termine, aggregati a livello comunale: attraverso la piattaforma si possono  consultare le mappe dell’irradianza al suolo del giorno precedente, le mappe della cumulata annuale dell’energia incidente sul piano orizzontale per ciascun anno dal 2005 ad oggi e, per ciascun anno, le 12 mappe mensili dell’energia giornaliera media. Sono inoltre disponibili mappe previsionali fino a +2 giorni sia per la fonte solare, attraverso la GHI (Global Horizontal Irradiance) e la DNI (Direct Normal Irradiance), sia per la fonte eolica con la velocità del vento stimata a 10 metri dal suolo. L’indirizzo del portale è http://sunrise.rse-web.it

Articolo precedenteFotovoltaico in perovskite: al buio le celle si autorigenerano
Articolo successivoAuto elettriche: a Madrid la flotta di taxi più grande d’Europa

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui