Rinnovabili sorvegliate speciali con il software LEB

Presentato dall’Osservatorio di Provincia e Politecnico il 9° Rapporto sull’energia sviluppato utilizzando il programma open source Local Energy Balance

Rinnovabili sorvegliate speciali con il software LEB

 

(Rinnovabili.it) – Crescono le rinnovabili torinesi. Nella provincia le green energy oggi contribuiscono già al 13% del consumo totale. Un dato più che soddisfacente, non solo per il particolare momento storico che le green energy nostrane stanno affrontando, ma anche perché mostra di dare una forte contributo all’obiettivo verde assegnato al Piemonte all’interno del burden sharing per il 2020. La regione deve infatti riuscire a raggiungere almeno un 15,1% e la provincia di Torino sta dimostrando di essere già sui binari giusti. A confermarlo sono i dati offerti del 9° Rapporto sull’Energia, documento contenente bilancio energetico aggiornato dal 2000 al 2013; per redigerlo i tecnici dell’amministrazione provinciale si sono affidati a Local Energy Balance (LEB), software open source per la costruzione e l’analisi di bilanci energetici territoriali.

 

Il programma sviluppato dal Politecnico di Torino in collaborazione con Enea e Istituto Superiore Mario Boella, ha permesso di rendere già oggi disponibili i dati del 2013, in netto anticipo sulle informazioni gestite a livello nazionale. Si scopre così che sul territorio i consumi totali di energia sono progressivamente diminuiti, arrivando a 46.600 GWh nel 2013, valore inferiore del 5,5% a quello del 1990. “Un dato in parte dovuto alla crescita dell’efficienza complessiva del sistema di produzione di energia” commenta l’assessore all’ambiente della provincia di Torino Roberto Ronco, “in parte legato alla crisi economica, il cui unico effetto positivo è proprio la forte riduzione delle emissioni da parte del comparto industriale”.

La produzione complessiva di energia elettrica, simile agli anni passati, è stata pari a 12.500 GWh, ma occorre segnalare che anche nel 2013, come già negli ultimi anni, in provincia di Torino la generazione è stata parecchio superiore (21,5%) rispetto al consumo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui