Batterie litio-zolfo, grazie alle zucchero possono battere gli ioni di litio

Un legante a base di saccaride sull’elettrodo positivo aiuta a prolungare la vita di queste batterie ed avvicinarle alle applicazioni d’accumulo tradizionali

Batterie litio-zolfo
Foto di 955169 da Pixabay

Le batterie litio-zolfo raggiungono i 100 cicli con una capacità di 700 mAh per grammo

(Rinnovabili.it) – Basta un poco di zucchero… e le batterie litio-zolfo durano di più. A scoprirlo un team di scienziati della Monash University, in Australia a lavoro su un nuovo design per questa categoria di dispositivi d’accumulo. L’accoppiata Li-S è da tempo nel mirino della ricerca energetica. Queste batterie ricaricabili offrono infatti un’elevata energia specifica (energia per unità di massa) in grado di renderle relativamente leggere ma capaci di immagazzinare fino a 5 volte l’elettricità contenuta nelle batterie a ioni di litio. Ottime performance che si sono fatte notare in passato a bordo dello Zephyr 6, l’aereo fotovoltaico senza pilota che nel 2008 segnò il primo record per volo solare più lungo e ad alta quota.

Leggi anche Accumulo energetico flessibile? Ci pensa il supercondensatore elastico

Oggi, tuttavia, questi sistemi sono per lo più relegati nel campo della ricerca. Il problema? Una vita troppo breve. Esistono, infatti, due precisi fenomeni che portano al naturale degrado della batteria litio-zolfo: da un lato il massiccio cambiamento di volume del catodo al momento della scarica; dall’altro il cosiddetto “effetto navetta” del polisolfuro, responsabile della progressiva perdita di materiale attivo dall’elettrodo positivo e del conseguente soffocamento di quello negativo. Il team della Monash University ha risolto con successo il primo problema sviluppano, lo scorso anno, uno speciale agente legante; questo crea uno spazio extra attorno alle particelle di zolfo, permettendogli di espandersi in sicurezza durante la carica. Come risultato gli scienziati sono riusciti a portare la sopravvivenza delle batterie litio-zolfo sopra i 200 cicli. Un passo avanti notevole ma non abbastanza per la commercializzazione.

Una nuova batteria nel giro di 5 anni

Gli scienziati, prendendo spunto da uno studio del 1988, hanno introdotto nell’architettura un additivo a base di zucchero simile a una rete di copertura. L’additivo funge da legante e forma microstrutture che aiutano a regolare il comportamento dei polisolfuri. I test sulla cella sperimentale hanno mostrato che grazie al nuovo legante a base di saccaride, la capacità di circa 700 mAh per grammo è stata mantenuta per 1.000 cicli. “Quindi ogni carica dura più a lungo, prolungando la durata della batteria“, spiega il primo autore e ricercatore Yingyi Huang. “E la produzione non richiede materiali esotici, tossici e costosi”.

Il lavoro deve risolvere ancora alcuni nodi tecnici, ma la speranza del team è di riuscire a realizzare le prime batterie al litio-zolfo in Australia, “utilizzando il litio australiano“, entro circa cinque anni da oggi. lo studio è stato pubblicato sulla rivista Nature Communications (testo in inglese).

Leggi anche Sistemi di accumulo in Italia, fino a 272 MW sul territorio

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui