Conto Termico in Gazzetta tra soddisfatti e scontenti

Si conclude l’iter del decreto con la pubblicazione in GU. Il provvedimento ha avuto un’accoglienza mista, dividendo il pubblico tra soddisfatti e scontenti

Conto Termico in Gazzetta tra soddisfatti e scontenti

 

(Rinnovabili.it) – Conto alla rovescia per l’entrata in vigore del nuovo Conto Termico. Il provvedimento di semplificazione è stato pubblicato ieri sera in Gazzetta Ufficiale e acquisterà efficacia al novantesimo giorno. Termina così la lunga attesa che ha accompagnato in questi mesi la pubblicazione del decreto, già ribattezzato Conto Termico 2.0. Si perché l’obiettivo di quest’atto è una sorta di auto-miglioramento. Una bassa rimuneratività e un iter troppo complicato avevano smorzato l’appeal del precedente schema incentivante lasciando quasi inalterate le risorse stanziate per  la produzione di energia termica da fonti rinnovabili e per l’incremento dell’efficienza energetica. Il nuovo Conto Termico rilancia questa forma di incentivo con una sorta di corsia preferenziale e mettendo a disposizione 900 milioni di euro annui, di cui 700 per privati e imprese e 200 per le PA, le cooperative sociali e le società di patrimonio pubblico.

 

Il provvedimento ha avuto un’accoglienza mista, dividendo il pubblico tra soddisfatti e scontenti.

Dei primi fanno sicuramente parte ANIMA, Assoclima e Assotermica che oggi commentano così la pubblicazione in Gazzetta del decreto Conto termico. L’approvazione della sua revisione, – afferma Alberto Montanini, Presidente Assotermica – da tempo richiesta da tutta l’industria, riconosce alle nostre tecnologie e al nostro settore un ruolo strategico per le politiche di efficienza e di sviluppo delle rinnovabili nel nostro Paese”.

Tra le novità più importanti, ricorda Montanini, l’assegnazione dell’incentivo ai pannelli solari termici in ragione della loro producibilità media (e quindi della loro resa) e l’attribuzione dello stesso anche agli apparecchi ibridi con caldaia a condensazione e pompa di calore.

 

Gli fa eco Assoclima, attraverso la voce del Presidente Alessandro Riello: “questo provvedimento completa il quadro degli incentivi anche a supporto delle tecnologie più efficienti per la climatizzazione invernale degli edifici. Oltre a misure semplificative, che rendono più agevole l’accesso all’incentivo e più rapida la sua erogazione, sono stati introdotti l’ampliamento della tipologia di interventi agevolabili, l’adeguamento del livello di incentivazione e l’aggiornamento dei requisiti tecnici minimi di accesso”.

 

Meno soddisfatto è il presidente di AiCARR, Associazione italiana condizionamento dell’aria riscaldamento e refrigerazione: “Si prevedono ben 900 milioni di euro suddivisi tra privati e Pubbliche Amministrazioni, ma non è oro tutto quello che luccica. Abbiamo assistito a due criticità che rischiano di inficiare il nuovo Conto termico: prima di tutto, il ritardo per aggiornare il Conto termico a partire dal Decreto ministeriale del 2012 ed in secondo luogo la scarsa attenzione da parte delle Pubbliche Amministrazioni che a fine 2014 hanno avuto accesso a poco più di 4 milioni di euro di incentivi rispetto ai 200 milioni di euro disponibili come dotazione complessiva ad esaurimento”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui