Impianti di riscaldamento a gas, ecco come impostarli correttamente

Dall’ENEA un vademecum per agevolare l’attuazione da parte dei cittadini delle misure di contenimento dei consumi nel settore del riscaldamento domestico, indicate per la stagione invernale 2022-2023

Impianti di riscaldamento a gas
via depositphotos.com

Indicazioni pratiche per la regolazione degli impianti di riscaldamento a gas e la gestione dei ricambi d’aria

(Rinnovabili.it) – Escluse le utenze più sensibili, questo inverno tutte le case italiane dovranno dare una mano al contenimento dei consumi come stabilito dal Piano ministeriale. Un intervento collettivo necessario per superare in sicurezza l’inverno in caso di blocco completo delle forniture russe, e nel contempo una misura tesa alla consapevolezza e al risparmio economico. Ma in che modo i cittadini possono adempiere agli obiettivi prefissati nel Piano? Alla domanda risponde oggi l’ENEA pubblicando un vademecum sulla corretta impostazione degli impianti di riscaldamento a gas. Il documento offre una serie di indicazioni pratiche sia per gli impianti autonomi che quelli centralizzati, partendo dalle nuove date e gli orari di attivazione e spegnimento, per ciascuna zona climatica nella stagione 2022-23.

Il vademecum aiuta ad impostare la temperatura interna a massimo 19°C sia quando la regolazione è affidata ai termostati sia quando riguarda un singolo ambiente tramite valvole termostatiche. Con un capitolo dedicato anche agli impianti di riscaldamento a gas non provvisti di sistemi di termoregolazione.

Dispostivi di controllo della temperatura

Enea sottolinea l’importanza di fare attenzione alla posizione dei dispositivi di controllo della temperatura. 

Il cronotermostato, ad esempio, deve essere installato a circa 1,5 m da terra, assicurando un posizione centrale nell’abitazione per una lettura della temperatura media più accurata e non su pareti particolarmente fredde o in nicchie, dietro a porte, tende o arredi e lontano almeno 1,2 metri da fonti di calore e dall’esposizione diretta ai raggi solari e a correnti d’aria.

Anche per le valvole termostatiche è necessario seguire alcune accortezze per non incorrere in misurazioni falsate, come evitare i cassettoni, l’esposizione solare diretta, la copertura di tende. In alternativa, si raccomanda l’uso di una valvola con sensore di temperatura remoto esterno alla stessa, da posizionare adeguatamente.

Consigli pratici

È fondamentale che la corretta regolazione degli impianti di riscaldamento a gas sia accompagnata dall’attenzione ai comportamenti quotidiani. Il vademecum  porta alcuni consigli pratici come ad esempio, l’invito a: schermare le finestre durante la notte; non asciugare i panni sui termosifoni; evitare di posizionare divani, tende o altri oggetti davanti agli elementi di riscaldamento; fare attenzione al rumore dei termosifoni che potrebbe essere indice della presenza di aria. Infine, attenzione ai ricambi d’aria. Enea raccomanda di aprire le finestre per pochi minuti, 2-4 volte al giorno, privilegiando le ore più calde della giornata e quelle in cui l’impianto di riscaldamento è spento.

Articolo precedenteScandalo dieselgate, il dispositivo truccato fu progettato a tavolino
Articolo successivoPerdite e danni, nuova proposta dell’UE per sbloccare la COP27

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui