La facciata bioclimatica di Triptyque sconfigge il caldo di Rio

    Il progetto di rigenerazione di un vecchio palazzo nel centro di Rio sfrutta raffrescamento passivo, fotovoltaico e una facciata completamente ripensata per migliorare l’efficienza energetica

    facciata bioclimatica

     

    (Rinnovabili.it) – Lo studio franco-brasiliano Triptyque ha curato la riqualificazione di un vecchio palazzo per uffici di Rio de Janeiro. Tra facciata bioclimatica, vetrate e schermature solari, moduli fotovoltaici e sistema di riciclo delle acque è riuscito non solo a ridurre il suo consumo energetico, ma a renderlo sostanzialmente autosufficiente.

     

    La facciata bioclimatica di Triptyque sconfigge il caldo di RioIl progetto ha dovuto tener conto dell’età dell’edificio, che risaliva agli anni ’70 e quindi non incorporava praticamente alcuna soluzione sostenibile in partenza. Poi le dimensioni, dato che con i suoi 26 piani per 85 metri di altezza nel bel mezzo di una delle più estese metropoli del mondo, sopraffatta dal clima caldo e secco e dalla cronica mancanza di acqua come la vicina San Paolo, la climatizzazione naturale non è la soluzione più semplice da mettere in campo.

    Ma non mancavano le ambizioni: infatti l’obiettivo di Triptyque era proporre e realizzare un modello che potesse venir seguito per riqualificare il resto del patrimonio edilizio di Rio de Janeiro.

     

    “Questo progetto unico combina un design ambizioso a innovative tecnologie sostenibili – commentano gli architetti – Incorpora un nuovo concetto di sviluppo sostenibile basato sull’autoproduzione di energia, così da seguire la tendenza globale della rigenerazione green, che consiste nell’adattare e rinnovare vecchi edifici”

     

    Il primo passo è stato riprendere completamente la facciata. Prospiciente viale Rio Branco, grande arteria della città, il palazzo adesso è dotato di una facciata a vetrata ondulata, alternata a schermature per il raffrescamento passivo. A ciò si va ad aggiungere una folta vegetazione disseminata su tutti i terrazzi e balconi, nonché in parte degli interni . In tal modo, il palazzo ora è dotato di una facciata bioclimatica che aiuta a aumentare notevolmente l’efficienza energetica.

    In aggiunta, un sistema di raccolta dell’acqua piovana riutilizza l’acqua per le toilette e i moduli fotovoltaici sono integrati all’interno di una delle facciate, con la possibilità di cedere l’energia in eccesso alla rete cittadina.

    Articolo precedenteLa batteria xStorage di Nissan dichiara guerra alla PowerWall di Tesla
    Articolo successivoSolar impulse 2: un “volo magico” dall’Arizona all’Oklahoma

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui