La torre di materiali naturali che cambierà Stoccarda

    Con la sua imponenza, l’edificio ha l’ambizione di modellare il paesaggio urbano di Stoccarda, ma gli architetti hanno puntato su facciata verde e materiali naturali per un tocco di sostenibilità

    materiali naturali

     

    Materiali naturali e piante di vite per innovare lo skyline di Stoccarda

     

    (Rinnovabili.it) – Pareti in pietra e piante di vite sono tra le caratteristiche di un nuovo interessante progetto dello studio tedesco RKW Architektur +, che ha vinto un contest per la costruzione di un nuovo grattacielo a Mailänder Platz, Stoccarda. L’idea di utilizzare per la facciata materiali naturali come la pietra, lasciando delle nicchie in cui viene coltivata la vite, rende l’edificio un concept piuttosto raro. L’irrigazione delle piante è demandata all’acqua piovana, che in Germania non manca, raccolta sul tetto e poi distribuita lungo le facciate tramite un sistema di irrigazione.

    La struttura, che si sviluppa intorno ad un’area triangolare, comprenderà unità abitative, caffè, spazio commerciale, un hotel e una biblioteca. I due volumi impilati in pietra dell’edificio appoggiano su due fasce di vetrate per dare alla torre un senso di leggerezza. All’occhio, dunque, il grattacielo si presenta come spezzato in due volumi, separati da una striscia di vetro che si ritrova anche a livello terra, dove i passanti possono guardare in trasparenza.

     

    >> Leggi anche: Bioedilizia in pietra e legno per la biblioteca di Tainan <<

     

    Le nicchie che punteggiano le facciate ospitando le piante di vite hanno un’apertura sul retro, che permette l’accesso a chi si occupa della manutenzione. Nella parte posteriore, un sistema di faretti illuminerà le nicchie verdi durante le ore serali, contribuendo a dare un aspetto più gradevole all’intero edificio.

    Con la sua imponenza, la torre ha l’ambizione di modellare il paesaggio urbano e lo skyline di Stoccarda, ma gli architetti hanno cercato di conservare discrezione e sostenibilità – nonostante la volontà di creare una struttura potente e di forte impatto visivo – tramite l’uso di materiali naturali e del verde.

    Articolo precedenteFotovoltaico sociale: Porto Torres sperimenta il reddito energetico
    Articolo successivoEnergia nel settore trasporti, quante rinnovabili consumiamo?

    1 commento

    1. bene, l’auspicio del buon esempio è il viatico che dovrebbe condurre verso un ambiente urbano ecologico, ma questo principio è applicato in tutte le infrastrutture urbane e nella produzione di beni durevoli, di consumo ed energia ? certo che no….. ma forse un giorno ci arriveremo, forse…..

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui