Urban Farm: Verdura a km zero sui tetti delle fabbriche

    Perché sprecare le immense coperture industriali quando al loro posto potremmo realizzare vere e proprie urban farm capaci di unire città e campagna

    2- Urban Farm Verdura a km zero sui tetti delle fabbriche - Credits: © Monica Tarocco www.conceptualdevices.com

     

    (Rinnovabili.it) – Il potenziale inespresso delle grandi metropoli secondo l’architetto Antonio Scarponi è racchiuso nelle grandi aree industriali, dove la moderna ‘urban farm’ potrebbe rivoluzionare completamente l’intero stile di vita.

     

    I grandi tetti piatti dei capannoni industriali e dei container si presterebbero tranquillamente ad accogliere coltivazioni più o meno estese sostanzialmente in grado di fornire cibo alla città, in maniera assolutamente alternativa e, se vogliamo vedere, a km quasi zero.

     

    1- Urban Farm Verdura a km zero sui tetti delle fabbriche -Credits: © Monica Tarocco www.conceptualdevices.com

     

    Sulla scia dei già numerosissimi orti urbani messi in opera in metropoli oltreoceano del calibro di New York, è nato il progetto “Urban farmers rooftop” che in pochi mesi ha saputo riqualificare i 400 mq di un capannone industriale a Basilea in Svizzera.

    L’intero progetto ruota attorno all’impiego di un semplice sistema acquaponico che da solo permette di mantenere in equilibrio l’intero ambiente delle urban farm, dove da una parte l’allevamento dei pesci nutre la vegetazione, mentre dall’altra nello stesso tempo  le piante mantengono pulite le vasche.

     

    7 - Urban Farm Verdura a km zero sui tetti delle fabbriche - Credits: © Monica Tarocco www.conceptualdevices.com

     

    L’architettura del progetto è suddivisa sostanzialmente in due moduli separati “calati” sulle coperture dei capannoni: le serre per la coltivazione delle piante ed una serie di blocchi destinati agli uffici ed alle sedi amministrative, tutto rigorosamente sviluppato secondo un layout che permette di superare la storica dicotomia tra città e campagna, portando l’agricoltura urbana delle urban farm direttamente nel cuore delle aree industriali.

     

    3 - Urban Farm Verdura a km zero sui tetti delle fabbriche - Credits: © Monica Tarocco www.conceptualdevices.com

    Le urban farm rappresentano sempre più spesso una soluzione ingegnosa per sfruttare spazi altrimenti inutilizzati, trasformandoli al contrari in veri e propri punti produttivi. Pochissimi mesi fa anche l’eclettica Londra ha pensato bene di convertire i 10.000mq di rete sotterranea in una vera e propria fattoria urbana capace (secondo le previsioni) di produrre cibo a sufficienza per l’intera città.