Anche la Germania farà un’azione legale contro gas e atomo in tassonomia verde?

Il governo di Berlino, per voce del ministro per la Transizione Ecologica Robert Habeck, fa sapere che potrebbe unirsi a Lussemburgo e Austria portando le regole UE per gli investimenti sostenibili di fronte alla Corte di giustizia europea. Ma la posizione tedesca è piuttosto ambigua

Tassonomia verde: la Germania apre a causa legale contro gas e nucleare
crediti: Heinrich-Böll-Stiftung (CC BY-SA 2.0)

La settimana scorsa presentato il 2° atto delegato della tassonomia verde

(Rinnovabili.it) – La Germania non scarta l’idea di portare in tribunale il vademecum UE sugli investimenti sostenibili. Nonostante l’ok sul gas – su cui si incardina la transizione energetica tedesca – a Berlino continua a non andar giù l’inserimento del nucleare nella tassonomia verde. Così il vicecancelliere e ministro dell’Economia e della Transizione Ecologica, Robert Habeck, torna a posizionare il mirino sul secondo atto delegato, la parte di tassonomia presentata la settimana scorsa dalla Commissione e dedicata esclusivamente a gas e atomo.

“Osserveremo il voto del Consiglio europeo, e poi controlleremo se tutto è legalmente corretto”, ha detto ieri Habeck mentre era in visita in Francia per incontrare i suoi omologhi, Bruno Le Maire e Barbara Pompili. Una posizione molto più soft di quella di Austria e Lussemburgo, i due paesi che finora hanno annunciato di voler portare la tassonomia verde alla Corte di giustizia europea.

Leggi anche Germania, a Capodanno inizia l’addio al nucleare

Anche se Berlino agita la minaccia di un’azione legale, la dichiarazione di Habeck, leader dei Verdi tedeschi, fa sospettare che il nuovo governo tedesco non abbia poi molta voglia di dare il via a una crociata in solitaria – o quasi – contro la Commissione. Sì, la tassonomia verde ha spaccato anche l’esecutivo UE, con almeno 3 commissari che hanno votato contro. Un evento raro. Ma finora solo Austria, Spagna, Lussemburgo e Danimarca hanno detto chiaramente di essere contrari a dare la patente di sostenibilità a gas e nucleare.

Difficile pensare che Berlino si muova senza prima aver convinto altre capitali del nord e dell’est Europa, come Olanda o Polonia. Ma è altrettanto difficile convincere quest’ultime a fare a meno della pioggia di investimenti per la transizione, che per molti di loro – specie a est – si incardina proprio su gas e nucleare per abbandonare il carbone velocemente ma senza scossoni.

Leggi anche Green taxonomy UE, il testo definitivo include gas e nucleare

Habeck ha comunque ribadito che “la posizione del governo federale è che non ci sarebbe stato bisogno del secondo atto delegato. Per farlo annullare dal massimo tribunale UE, però, da Berlino si fa notare che bisogna attaccare il diritto stesso dell’UE di legiferare sulla materia. Quindi bisogna attaccare la base legale della seconda parte della tassonomia. Su questo punto la Germania non si è ancora pronunciata e solo l’Austria ha già pronta da tempo un’analisi in punta di diritto.

Articolo precedenteBlockchain per supermagneti sostenibili, sulle materie prime critiche l’UE schiera CSyARES
Articolo successivoIl costo della siccità, conseguenza del clima anomalo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui