Nasce l’atlante per la progettazione di edifici a energia positiva

Gli scienziati di Eurac Research, l’Università Ca ‘Foscari Venezia e dell’australiana RMIT University, hanno lanciato l’Atlante europeo del clima e della cultura per la progettazione di Plus Energy

edifici a energia positiva
via depositphotos.com

Un’innovativa mappa GIS per il mondo dell’edilizia sostenibile

(Rinnovabili.it) – Vengono chiamati Plus Energy Building (PEB) ossia edifici a energia positiva, e rappresentano il passo progettuale successivo ai cosiddetti nZEB, edifici a energia quasi zero. Come il nome stesso fa intuire, la differenza è tutta nel bilancio energetico. Nei PEB, infatti, le misure di efficienza e risparmio energetico adottate permettono agli abitanti di produrre più energia rispetto al fabbisogno quotidiano.

A differenza degli nZEB, ormai consolidati all’interno delle normative europee, per gli edifici a energia positiva non esiste ancora un approccio comune, né una definizione condivisa a livello UE. Negli anni sono però nate diverse interpretazioni derivate sia da progetti di ricerca europea che da applicazioni pratiche.

Leggi anche Edifici “nZeB”, a Matera arrivano i casali ecosostenibili a impatto zero

Per sostenere questo indirizzo progettuale e permettergli di prosperare, il progetto CULTURAL-E sta sviluppando “l’Atlante europeo del clima e della cultura per il design di edificio a energia positiva” (2CAP-Energy Atlas). L’iniziativa, portata avanti da Eurac Research, l’Università Ca ‘Foscari Venezia ed RMIT University, si concentra sull’identificazione di caratteristiche climatiche e culturali specifiche che influenzano il consumo energetico. 

Il 2CAP-Energy ATlas

Un approccio innovativo attraverso cui definire soluzione adeguate per la nuova edilizia sostenibile. Strumenti come il 2CAP-Energy ATlas, creato per consentire agli utenti di concentrare gli sforzi di sviluppo su tecnologie appropriate per ogni destinazione progettuale. “Dopotutto – si legge sul sito – non sono gli edifici a consumare energia, ma le persone”. I partner hanno già lanciato la versione beta dell’atlante: è liberamente accessibile e aperta ad aggiornamenti e contributi provenienti da terze parti. 

Per sviluppare l’Atlante, i ricercatori hanno intervistato i progettisti di edifici a energia positiva in quattro diverse aree climatiche dell’Unione europea. “Attraverso questi incontri abbiamo raccolto preziose esperienze e approfondimenti sulle pratiche PEB, identificando alcune delle sfide”, ha commentato Iván Luque Segura, ricercatore di RMIT Europe. “È interessante notare che i progettisti hanno rivelato come le abitudini culturali, ad esempio la doccia, il bucato o le pratiche di cucina […] possano influire sul bilancio energetico di un edificio”.

Leggi anche Come il fotovoltaico integrato negli edifici può alimentare l’Italia

Combinando casi di studio, politiche edilizie ed esperienze reali, il team ha creato una mappa GIS interattiva e stratificata dell’Europa per assistere i progettisti, responsabili politici e ricercatori, offrendo dati reali dagli edifici occupati e dai siti dimostrativi di Cultural-E. Si va dalla domanda di energia domestica ai fattori climatici, dai dati socio-economici agli aspetti della qualità ambientale idoor, dalle politiche locali ai fattori trainanti della cultura energetica.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui