Edifici “nZeB”, a Matera arrivano i casali ecosostenibili a impatto zero

    La pugliese Edil Pepe fa sposare tradizione con innovazione hi-tech per realizzare un progetto a basso impatto ambientale e ridotti consumi. I punti clou: materiali certificati, domotica e, ovviamente, energie rinnovabili

    bioedilizia

     

     

    Seguendo i dettami dell’edilizia nZeB (near zero energy building)

    (Rinnovabili.it) – Hi-tech, a impatto zero ma con un occhio sempre rivolto alla tradizione locale. Sono i casali del progetto Lusseri, avviato dall’azienda italiana Edil Pepe nel cuore di Matera. Abitazioni ecosostenibili, realizzate in stile tipico e tradizionale ma dall’anima moderna e tecnologica, grazie a pannelli fotovoltaici, pompe di calore ed impianti di domotica. Il punto d’arrivo è infatti quell’edilizia “nZeB” (near zero energy building) a cui tutta l’Europa dovrà obbligatoria mente puntare per nuove costruzioni dal 2021.

    Chiave dell’intero progetto  è il sistema BeS (Benessere e Salute), ideato e brevettato dalla stessa Edil Pepe. Il sistema si basa sulle certificazioni fornite dalle imprese fornitrici dei materiali e prodotti utilizzati durante la costruzione. Un’attestazione che permette al cliente finale, ovvero chi abiterà i casali, di avere la massima garanzia e la massima trasparenza sugli effetti benefici che tutte le componenti edilizie hanno sull’individuo che vive in casa, per preservarne la sua salute e il suo benessere.

     

     

    Leggi anche: “Chi sono le aziende impegnate nel campo della bioedilizia e del design sostenibile?”

     

    Per i casali, l’impresa edile ha inoltre messo a punto P55, un particolare e innovativo sistema di muratura stratificata di 55 cm, realizzato con intonaco di calce e gesso e blocchi di Tufo di Montescaglioso. Un “connubio fra tradizione e modernità”, poiché si avvale di una pratica di realizzazione antica (quella di dare spessore alla parete, oggi spesse in media 35/40 cm) potenziata con tecniche moderne come quella della stratificazione con materiali isolanti.  In questo modo – ha spiegato Antonio Pepe – si mantengono una bassa dispersione di calore, un basso consumo energetico, un’alta durabilità nel tempo, alto isolamento acustico, un’influenza positiva sul comfort e sul benessere termo-igrometrico e un elevato grado di resistenza al sisma.”

     

    trattandosi di un progetto di nZeB, ogni residenza sarà dotata di impianti di raffrescamento, ventilazione, produzione di acqua calda sanitaria ed elettricità a consumo prossimo allo zero. Il progetto integra anche impianti fotovoltaici e pompe di calore per soddisfare il fabbisogno energetico.
    Ogni abitazione si svilupperà su 3 livelli, i collegamenti verticali saranno garantiti da ascensori, il giardino si estende dai 600 agli 800 metri quadri e l’edificio
    Non mancano, in chiave hi-tech, gli impianti di domotica attraverso i quali controllare e gestire gli spazi domestici mediante l’utilizzo di un dispositivo touch.

    Leggi anche: “Il futuro dell’edilizia tra digitalizzazione e nuovi materiali”

    Articolo precedenteIndonesia: il governo propone nuovi dazi su veicoli inquinanti
    Articolo successivoUSA, entro il 2024 il costi del carbone supereranno quelli delle energie rinnovabili

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui