Rigenerazione urbana: da spazio vuoto a spazio pubblico, l’esempio di Pechino

Nel cuore di Pechino la rigenerazione urbana di Instreet ha ridato valore ad un intero quartiere, prestando attenzione al dettaglio e mettendo la comunità al centro del progetto

rigenerazione-urbana
Pechino Instreet rigenerazione urbana – credits kokaistudio

La rigenerazione urbana di Instreet è stata progettata da Kokaistudio

(Rinnovabili.it) – Molto spesso gli interventi di rigenerazione urbana meglio riusciti sono quelli più piccoli. Ne è un esempio la trasformazione del quartiere Instreet di Pechino, dove una strada vuota, scarsamente sicura e inutilizzata è stata trasformata in un eccellente spazio pubblico ricco di vita e utile alla comunità.

A ripensare lo spazio sono i progettisti di Kokaistudios su proposta dello sviluppatore immobiliare CR Land. Il risultato è un’arteria viva del quartiere, arricchita da spazi di sosta, pensiline e strutture flessibili ad uso della comunità.

Troppi punti d’accesso e poca visibilità

Prima del restyling, Instreet era un “pezzo” di quartiere scarsametne caratterizzato. Con troppi punti di riferimento e d’accesso, come la stazione della metropolitana e l’ingresso al centro commerciale, ed un discutibile ponte pedonale in cemento a tagliare completamente il quartiere.

La rigenerazione urbana ha prima di tutto eliminato la passerella, restituendo una visuale libera ai cittadini ed evidenziando ulteriormente la mancanza di carattere della strada.

Leggi anche Pnrr: 2,8 mld per 159 progetti di rigenerazione urbana

L’attenzione alle esigenze della comunità ha portato alla predisposizione di una rete di pensiline con la duplice funzione di ombreggiare la passeggiata pedonale ed offrire un punto di sosta lungo il percorso. Queste strutture sono concepite come oasi per varie attività: dal gioco per i bambini, allo spazio culturale per ogni genere di evento.

Attenzione al dettaglio

Non solo la disposizione degli spazi, ma anche l’attenzione al dettaglio rende una rigenerazione urbana degna di nota. Nel caso di Instreet si tratta ad esempio dei materiali impiegati, come il legno e la poitra grezza., di un sistema per la raccolta delle acque piovane, della progettazione puntuale di elementi come le reti di protezione dalle radici degli alberi, fino ad arrivare al sistema di illuminazione. Le pensiline infatti sono state attrezzate per essere perfettamente illuminate la notte, rendendo maggiormente sicura la strada e riportando la vita di comunità anche oltre l’orario lavorativo.

Anche le facciate degli edifici che si affacciano sulla via hanno subito un restyling, inserendo nel progetto anche la manutenzione futura ed alcuni accorgimenti essenziali per eventuali futuri sviluppi immobiliari.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui