Fotovoltaico per gruppi di autoconsumo e CER, come valutare la convenienza

Il Gestore dei Servizi energetici apre il suo servizio di simulazione alle nuove forme di energy sharing. Obiettivo: permettere anche a comunità rinnovabili e autoconsumo collettivodi elaborare una valutazione tecnico-economica degli impianti fotovoltaici

gruppi di autoconsumo fotovoltaico
Foto di cverkest da Pixabay

Nuove funzionalità per il Portale autoconsumo fotovoltaico del GSE 

(Rinnovabili.it) – I gruppi di autoconsumo e le comunità energetiche si stanno facendo lentamente strada nel mondo della generazione distribuita italiana. Merito anche degli incentivi assegnati a livello statale alle due nuove forme di condivisione energetica. Per fornire una nuova spinta agli energy citizen del Belpaese, il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) ha aggiornato il suo portale per l’autoconsumo fotovoltaico.

Nel dettaglio, da oggi tutti coloro interessati a creare Comunità energetiche e Gruppi di autoconsumo collettivo potranno avvalersi delle simulazioni tecnico-economiche presenti sul portale. Lo strumento consentirà, infatti, di calcolare la convenienza di un impianto fotovoltaico finalizzato alla condivisione di energia.

Il servizio era stato lanciato nel 2019 dopo una fase di test, per supportare la nuova generazione di prosumer – ossia consumatori che vestono anche i panni di produttori energetici. Ma fino a ieri permetteva solo simulazioni per l’autoconsumo singolo.

Ora l’ampliamento dell’accesso, assieme alla pubblicazione di guide informative ad hoc, FAQ e nuove funzionalità, permetterà anche ai futuri Gruppi di Autoconsumo e alle Comunità di energia rinnovabile di muoversi con più facilità nell’ambiente. Ottenendo le necessarie informazioni sulle possibilità previste dalla normativa e indicazioni pratiche sull’avvio delle iniziative.  

Come calcolare la convenienza per i gruppi di autoconsumo/CER?

Per effettuare la valutazione bastano pochi passaggi. Una volta entrati nell’apposita area del sito GSE, si inserisce prima di tutto l’indirizzo del condominio o dell’edificio (nel caso di Gruppi di autoconsumo in ambito residenziale o anche commerciale e industriale); oppure l’indirizzo dell’area dove si intende costruire l’impianto asservito a più utenti (nel caso di Comunità energetiche).

A questo punto, inserendo i consumi energetici annuali e la superficie a disposizione per i pannelli, il simulatore calcolerà l’adeguato dimensionamento degli impianti fotovoltaici, l’investimento necessario per realizzarli e i tempi di rientro dell’investimento.

È possibile, inoltre, personalizzare la simulazione con informazioni sulla tipologia di superfici a disposizione e sul numero e tipologia di clienti finali, sulle modalità di finanziamento dell’intervento o di agevolazione fiscale che si intende sfruttare. Una simulazione, in sostanza, accessibile sia a chi voglia farsi una semplice idea, sia a chi abbia già maggiori informazioni o anche un preventivo in mano e sia pronto per creare un Gruppo o una Comunità e investire.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui