Un accordo a 4 firme per la rete di ricarica elettrica giapponese per EV

Toyota, Nissan, Honda, Mitsubishi condividono l’impegno finalizzato a dare al Giappone una rete di punti di ricarica moderna ed efficiente sfruttando sia i finanziamenti pubblici che impegnando le proprie forze economiche

Implementazione della rete di ricarica giapponese(Rinnovabili.it) – Quattro dei maggiori produttori giapponesi di automobili hanno dato vita ad un’alleanza mirata ad estendere la rete di ricarica elettrica del paese.

Toyota, Nissan, Honda, Mitsubishi hanno annunciato ieri di aver deciso di promuovere l’ingrandimento della rete favorendo l’istallazione di nuovi punti di ricarica nei centri commerciali, nei pressi dei bar e ristornanti e nei parcheggi delle stazioni oltre che nelle aree di servizio autostradali.

 

Oltre a garantire ai guidatori una rete capillare le 4 case automobilistiche hanno affermato di voler offrire anche adeguati servizi di pagamento concordando con le società energetiche nuovi contratti. “In precedenza, ogni casa automobilistica ha valutato le possibili posizioni per impianti di ricarica autonomamente” ha detto un comunicato congiunto. “Ora, essi hanno deciso di lavorare insieme consapevoli che l’infrastruttura di ricarica ha un valore pubblico e che il potenziamento dovrebbe essere fatto in fretta durante il periodo limitato durante il quale le sovvenzioni sono disponibili.”

 

Attualmente sono disponibili circa 1700 caricatori rapidi e poco più di tremila normali sull’intero territorio giapponese, anche se l’intenzione è di ampliare il circuito portando le stazioni standard a 8000 unità e le rapide a 4000 per dare più sicurezza ai guidatori e stimolare i consumatori a cambiare stile di guida, scegliendo vetture a basso impatto ambientale con la tranquillità di poter ricaricare la propria auto appena necessario.