Se l’auto solare produce più energia di quella che usa

Stella Lux può percorrere fin a 1.000 km con una giornata di sole e a fine percorso avere nelle batterie ancora energia. L’auto si batterà in autunno nella World Solar Challenge

Se l’auto solare produce più energia di quella che usa

(Rinnovabili.it) – Viene dai laboratori di ingegneria olandese l’ultimo prototipo di auto solare in grado non solo di essere completamente autosufficiente, ma addirittura di produrre più energia di quella che consuma. Impossibile? Non per il Solar Team Eindhoven (STE), gruppo di studenti dell’Eindhoven University of Technology creatori dell’innovativa Stella Lux. Progetta come un family car, Stella Lux mixa soluzioni intelligenti di ultima generazione alla tecnologia fotovoltaica e a misure orientate all’efficienza energetica. Il risultato è una quattro posti energicamente positiva, vale a dire capace di produrre più energia di quella necessaria al suo funzionamento.

 

In realtà, nell’aspetto non rassomiglia a nessun’altra familiare presente sul mercato: il team ha studiato un preciso design aerodinamico e realizzato la macchina con materiali leggeri come il carbonio e l’alluminio a cui si integra un tettuccio realizzato con celle solari ad alta efficienza. Inoltre è stata dotata di Solar Navigator, un programma di gestione dell’energia che non solo calcola quanta elettricità è necessaria per arrivare a  destinazione, ma sulla base dei dati meteo reali, suggerisce anche il percorso ottimale. E’ stata progettata anche per comunicare con altre vetture presenti, ad esempio, abbassando automaticamente il volume della musica quando si avvicina un’ambulanza.

 

Se l’auto solare produce più energia di quella che usa

 

Stella Lux è in grado di percorrere fin a 1.000 km con una giornata di sole “olandese”, e a fine percorso avere nelle batterie ancora energia da poter immettere in rete. Il team prenderà parte con l’auto solare nella classe Cruiser della Bridgestone World Solar Challenge in Australia il prossimo 18 ottobre 2015. L’annuale competizione copre una distanza di 3.000 km, attraverso il cuore dell’outback australiano da Darwin ad Adelaide. Quest’anno la gara porrà maggiormente l’accento sulla velocità rispetto agli anni passati.

 

“Decidendo di migliorare ulteriormente la nostra quattro posti a energia solare, stiamo mirando ancora una volta alla vittoria, mentre allo stesso tempo dimostriamo come questa vettura a energia positiva offra uno scenario di futuro sostenibile”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui