Al CES il primo drone elettrico che trasporta persone

EHang 184 sarà il primo drone elettrico in commercio a portare passeggeri. Porta un carico di 100 kg per 20 minuti a 100 km/h, e si ricarica in 2 ore

Al CES il primo drone elettrico che trasporta persone 3

 

(Rinnovabili.it) – Al Consumer Electronic Show di Las Vegas è tempo di record. Nella cornice della più importante fiera dell’elettronica del mondo ha debuttato EHang 184, il primo drone elettrico capace di trasportare una persona. Somiglia a un elicottero, ma di eliche ne ha quattro, parallele al terreno.

Un passeggero fino a 100 chili può viaggiare a 100 all’ora su EHang 184 per 23 minuti a 3-400 metri d’altezza (ma può salire fino 3.500 metri), con l’aria condizionata. Tutto ciò che deve fare è programmare un piano di volo: da quel momento, il velivolo risponde a due soli comandi – “decolla” e “atterra” – che l’utente impartisce tramite un tablet. Il quadcottero si ricarica completamente in 2 ore.

Non è possibile al momento dirigere la rotta dall’interno. In caso di emergenza, un centro di controllo remoto interviene per far atterrare il drone elettrico, ha spiegato Shang Hsiao, CFO e cofondatore di EHang. Tuttavia, questo sistema non esiste ancora.

 

https://www.youtube.com/watch?v=IrPejpbz8RI

 

Durante il 2015, prima di arrivare al Consumer Electronic Show, sono stati condotti oltre 100 test. Il drone ha volato a bassa quota, in una zona boschiva vicino a Guangzhou, la più grande città costiera della Cina. Molti di quei viaggi sono stati realizzati con un passeggero a bordo (piuttosto nervoso, a dire il vero).

Secondo il marketing officer di EHang, Derrick Xiong, questo velivolo può rappresentare un passo avanti in termini di sicurezza: è convinto che i quadcotteri, grazie al numero di eliche, siano più affidabili degli elicotteri. Anche in caso di guasti a tre dei quattro bracci su cui sono montate, spiega, è possibile atterrare sani e salvi.

Il drone elettrico EHang 184 dovrebbe essere sul mercato entro il 2016 – sostengono i suoi creatori – al prezzo di 2-300 mila dollari. Sempre che riesca a trovare un mercato. Negli Stati Uniti, ad esempio, è un momento difficile per i droni, che per circolare al servizio di Amazon o Fedex hanno bisogno di regolamenti specifici. L’aggiunta di un passeggero umano complicherebbe notevolmente le cose. Ma i cinesi ci credono: finora dicono di aver raccolto 52 milioni di dollari dagli investitori.

 

Guarda la Gallery

Articolo precedenteIl mercato del carbonio si fa beffe dell’accordo sul clima
Articolo successivoProduzione di idrogeno low cost? Ci pensano i nano-reattori

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui