Una Flotta Verde per la Marina militare italiana

La nuova frontiera green delle forze armate italiane saranno navi militari eco-efficienti grazie al gas naturale liquefatto

Una Flotta Verde per la Marina militare italiana(Rinnovabili.it) – La Marina militare italiana ha adottato una nuova strategia energetica volta a diminuire il proprio impatto ambientale entro la fine del decennio. In questo contesto si inserisce il progetto Flotta Verde, iniziativa che guarda all’impiego del gas naturale liquefatto (GNL) come risorsa numero uno per la propulsione navale. La crescente offerta di gas naturale proveniente dai paesi del Nord Africa offre infatti all’Italia importanti opportunità economiche ed ambientali, riducendone la dipendenza dai gasdotti a cui è attualmente sottoposta e rendendo questa fonte particolarmente attraente sotto diversi punti di vista.

 

Impiegare il GNL nei trasporti navali è quasi un passo obbligato per la Marina Militare, che guarda al gas naturale liquefatto in una prospettiva futura di minori costi di carburante, minor impatto ambientale e tutela dell’ambiente marino. Navi militari eco-efficienti  – spiega in una nota stampa – “permetteranno in futuro di ridurre il consumo di derivati petroliferi, contribuendo al raggiungimento degli impegni assunti dall’Italia e dall’Unione Europea in campo internazionale sul contenimento delle emissioni di inquinanti atmosferici e di gas serra, in accordo con le linee guida della Strategia Energetica Nazionale”. Il progetto sarà presentato il prossimo 21 novembre a Roma in occasione della seconda conferenza nazionale Italia – Mediterraneo. Durante l’evento la Marina Militare metterà a disposizione la propria esperienza e le proprie competenze nella gestione di carburanti ad elevata volatilità a supporto della fase di studio delle normativa che precede e accompagnerà la diffusione del GNL nello shipping.