Germania, pronto il piano milionario per sostenere l’auto a idrogeno

Saranno investiti oltre 250 milioni di euro per portare le automobili a idrogeno sul mercato di massa. Focus su R&S e sviluppo infrastrutturale

Germania, pronto il piano milionario per sostenere l’auto a idrogeno

 

(Rinnovabili.it) – La Germania scommette sulle celle a combustibile per rinnovare la spinta alla mobilità elettrica. Il governo federale – rivela il quotidiano tedesco Die Welt – avrebbe preparato un nuovo piano di finanziamento per le auto a idrogeno: 250 milioni di euro che verranno investiti dal 2019 al 2026 per accelerare la diffusione di massa dei veicoli a fuel cell.

Una parte del ricco budget sarà impiegato nel settore Ricerca e Sviluppo al fine di realizzare prodotti avanzati che siano economicamente competitivi. La quota rimanente servirà invece a costruire la relativa infrastruttura, dal trasporto all’immagazzinamento e distribuzione dell’idrogeno.

 

Malgrado un inizio lento sui veicoli plug-in e ibridi, la Nazione è ancora convinta di riuscire a portare sulle sue strade un milione di e-car entro il 2020. Il piano sull’idrogeno dovrebbe secondo le parole del ministro dei Trasporti Alexander Dobrindt essere la “chiave per questo sviluppo”.

“Con l’elettromobilità e la guida automatica e connessa, abbiamo di fronte la più grande rivoluzione del settore dopo l’invenzione della macchina”, commenta Dobrindt.

In realtà la Germania ha un precedente nel campo delle fuel cell: dal 2006 a oggi ha speso oltre 1,4 miliardi di euro per lo sviluppo e la diffusione delle auto a idrogeno.

Tuttavia l’appeal per la mobilità elettrica rimane molto più basso di quanto sperato. Anche gli incentivi “ambientali” concessi dallo Stato non stanno ottenendo grandi risultati. A partire da luglio di quest’anno, infatti, chi compra un’auto in Germania può ottenere un incentivo di 4.000 euro sui modelli elettrici e di 3.000 euro su quelli ibridi. Il bonus viene finanziato per metà dallo Stato tedesco e per metà dai costruttori. Ma lo sconto non sembra bastare e le nuove immatricolazioni di auto elettriche sono oggi praticamente agli stessi livelli del periodo pre-incentivo.

 

A venire in aiuto potrebbe essere la messa al bando dei veicoli tradizionali, progetto caldeggiato dal viceministro dell’Economia e dell’Energia Rainer Baake e dal Bundesrat (intenzionato a chiedere provvedimenti simili a livello europeo): la proposta prevede l’obbligo, a partire dal 2030, di vendere unicamente mezzi elettrici (plug-in, a batteria, a fuel cell).

Articolo precedenteRinnovabili elettriche: l’Italia 2020 avrà 3,7 GW di nuova capacità
Articolo successivoL’EPA riconosce che il fracking contamina l’acqua

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui