Hypstair porterà nei cieli la nuova generazioni di aerei elettrici

Il progetto europeo Hypstair sta sviluppando un sistema di propulsione ibrida seriale per velivoli di aviazione leggera

Hypstair

 

 

(Rinnovabili.it) -Una nuova generazione di velivoli per l’aviazione leggera a propulsione ibrida in grado di unire i vantaggi delle basse emissioni inquinanti e del ridotto consumo di carburante con una notevole riduzioni dei costi di trasporto. In una sola parola: Hypstair. E’ questo infatti il nome con cui è stato battezzato il progetto europeo avviato da un consorzio di aziende e università. Dentro c’è anche un (bel) po’ d’Italia: l’Università di Pisa e l’azienda toscana MB Vision sono infatti i partner dell’iniziativa insieme a Siemens, all’Università di Maribor in Slovenia, e al costruttore di velivoli sloveno Pipistrel, capofila del progetto. Il progetto prevede la progettazione dei componenti del sistema di propulsione ibrido: generatore , motore, inverter, batterie e unità di controllo, nonché un’elica specifica per questo tipo di applicazione. Questi componenti saranno messi a punto e dimensionati considerando le prestazioni e l’efficienza energetica della combinazione fusoliera-propulsore.

 

Finanziato all’interno del 7° Programma Quadro, Hypstair si concluderà ufficialmente ad agosto di quest’anno ma già nelle scorse settimane sono stati effettuati test a terra del propulsore. Test che hanno decretato i primi successi del progetto: il motore da 200 kW messo a punto è il più potente sistema di propulsione elettrica ibrido mai sviluppato per l’aviazione fino a questo momento e fornisce una quantità di energia pari ai tradizionali motori di aerei. E’ stato progettato per fornire 200 kW al decollo e 150 kW in crociera e può funzionare in modalità esclusivamente elettrica, usando energia proveniente da batterie, in modalità solo generatore o in modalità ibrida che associa entrambe.

 

“Il propulsore da 200 kW sviluppato durante il progetto ha la stessa potenza di un tipico motore a pistoni per velivoli – ha spiegato il professore Aldo Frediani del dipartimento di Ingegneria Civile e Industriale dell’Ateneo pisano – ma in questo caso l’elica è azionata da un motore elettrico, che viene alimentato o da una batteria che può essere ricaricata in volo o da un generatore elettrico a combustibile”.

I ricercatori hanno anche progettato un’interfaccia uomo-macchina (HMI) al fine di permettere una più semplice interazione con il propulsore, garantendo una migliore usabilità. Grazie all’affidabilità delle motorizzazioni elettriche e all’utilizzo di un duplice sistema di alimentazione, verrà ulteriormente incrementato il fattore di sicurezza nelle attività di volo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui